cerca

Autobomba a Istanbul, la nomination di Hillary e la chirurgia estetica. Di cosa parlare stasera a cena

In esclusiva per noi Marco Alfieri seleziona e propone letture, spunti e idee per sapere quello che succede nel mondo.

7 Giugno 2016 alle 18:31

Autobomba a Istanbul, la nomination di Hillary e la chirurgia estetica. Di cosa parlare stasera a cena

Frase del giorno


 

“Il mio vicino ha martellato dall’alba fino a quando esausto non mi sono alzato. Da quel momento, silenzio. Poi dicono di Rosa e Olindo…”

Luca Bizzarri


 

 

Sabbie arabe

 

Stamattina è esplosa un’autobomba nel centro di Istanbul. Il bilancio delle vittime è di undici morti, tra cui sette poliziotti, e 36 feriti, di cui tre gravi. L’attacco non è stato rivendicato, ma il presidente turco Erdoğan ha accusato i ribelli curdi del Pkk.

 

L’ultimo orrore dell’Isis: 19 yazide bruciate vive. “Hanno rifiutato di diventare schiave sessuali”. Le ragazze giustiziate in piazza a Mosul dentro a una gabbia.

 

Il Wsj racconta invece la storia di quei foreign fighters occidentali, prima unitisi poi disincantati dall’Isis, che stanno cercando aiuto per tornare a casa…

 

Il cimitero di Kabul non è solo un luogo di morte e preghiera, anzi. Fervono la vita e i commerci. Ne scrive il Nyt.

 

Intanto oggi è cominciato il Ramadan. Sette cose da sapere messe in fila da La Stampa.

 

 

L’Italia del sindaci

 

Schemi saltati e confronti incerti: il tripolarismo imperfetto uscito dal primo turno del voto amministrativo, secondo Ilvo Diamanti.

 

Elitario e poco popolare, il Pd ha bisogno di una nuova base sociale. La mappa del voto nelle metropoli sottolinea un cambiamento dell’elettorato democratico. L’intuizione di uscire dalla logica della lotta di classe è giusta, ma facendolo così si perde la massa popolare (che non ha più punti di riferimento)…

 

E a destra, invece, che farà Matteo Salvini (oltre a “endorsare” a distanza i candidati grillini al ballottaggio)? La Lega non galoppa, l’elettorato è moderato. Il leader può essere lui?

 

 

Il mondo oltre il Jihad

 

Cortina di ferro. È in corso la più grande esercitazione militare in Europa orientale dai tempi della guerra fredda. Le grandi manovre in Polonia dureranno una decina di giorni (con grande scorno di Mosca).

Corsa alla Casa Bianca. Cedere a Hillary o una disperata rivoluzione? Il dilemma di Sanders. Il voto simbolico di oggi in California (Clinton ha già in tasca i numeri per la nomination) mostra quant’è profonda la frattura democratica fra irriducibili e moderati. E poi perché le politiche monetarie della Fed di Janet Yellen rischiano di aiutare la corsa elettorale di Trump.

Quasi amici. Come il premier nazionalista indiano Modi sta saldando una nuova partnership con gli Usa, dopo le tensioni passate. Ne scrive Le Monde (articolo tradotto in italiano da Internazionale).

Via della seta. Anche la Ford starebbe preparando il grande sbarco produttivo in Cina (modello Lincoln).

Il fondo del barile. L’Arabia Saudita vorrebbe creare 450mila nuovi posti di lavoro nel settore privato entro il 2020, per affrancarsi dalla dipendenza petrolifera. Ce la farà?

Note stonate. Più ricavi, più perdite. Purtroppo Spotify non sta in piedi (via Luca Conti).

Dolce vita. Intanto dopo quattro anni e una ristrutturazione milionaria, riapre il mitico Hotel Ritz di Parigi, dove andava a bere Hemingway e dove morì Coco Chanel.

 

 

Stato dell’Unione

 

Oggi scade il termine di registrazione per votare al referendum sull’Europa. Tutte le contraddizioni della campagna inglese sulla Brexit.

 

Viaggio a Molenbeek, il municipio di Bruxelles considerato il vivaio dei terroristi islamisti. Dove anche giocare a calcio è diventato un problema.

 

 

Mappa del giorno


 

L'andamento occupazionale nel settore manifatturiero. I numeri pre-crisi sembrano decisamente un miraggio (via Francesco Seghezzi)…

 


 

 

Personaggi

 

Chi è davvero il nuovo sindaco di Londra Sadiq Kahn. Appena eletto ha parlato di speranza e unità. È laburista, ma lontano dalla nuova dirigenza. È contro la Brexit, come il primo ministro conservatore. E il fatto che sia di religione islamica non ha influenzato gli elettori. Il nodo del sistema dei trasporti.

 

Bellissime immagini di Muhammad Ali, mai viste prima...

 

 

Argomenti di dibattito

 

Jihad quotidiana. La verità è che il caos in Medio Oriente è anche figlio di Lawrence d’Arabia.

Soldi gratis no grazie. Mens sana in conti pubblici sani, cultura montanara e immigrati. Così gli svizzeri hanno rottamato il grillismo questuante dicendo “no” a un generoso reddito di cittadinanza. Ma una rivoluzione del welfare prima o poi arriverà. Forse…

Falsi miti? La sacralità del “made in Italy” è davvero una rovina? Lo sostiene l’Economist, con buoni argomenti: la nostra ossessione per le tradizioni ci ha reso conservatori e protezionisti.

Motore immobile. Secondo Aeon è il disgusto, l’indignazione il motore della civiltà. Perché spinge le persone a cooperare e darsi delle regole.

Nuovo cinema paradiso. Cambia il modo in cui si va al cinema, ma vedere un film in una sala cinematografica possiede ancora un’attrattiva particolare. Insomma non moriranno mai.

 

 

Ossessioni

 

Nel continente nero. I soldati delle "forze di pace" nella Repubblica Centrafricana sono accusati della morte di 12 persone, apparentemente uccise per vendetta. Una brutta storia raccontata dal Washington Post (articolo tradotto in italiano da Il Post).

Rifarsi un po’. Lo strano mondo della fotografia di chirurgia estetica. Ma proprio strano…

Volo sicuro. All’aeroporto di Ginevra potreste incontrare un robot che vi controlla i bagagli.

 

 

Mettetevi comodi

 

Il grande esodo. Quanti stranieri ci sono nel tuo comune? Da dove vengono? Che lavoro fanno? Ecco tutte le mappe.

Guido piano. Il viaggio di Bloomberg dentro il gigantesco baco degli airbag Takata che ha portato al più grande richiamo di auto della storia.

Ombre cinesi. Come fare a spiare, abbastanza facilmente, su oltre 600 milioni di cinesi.

Geopolitica del pallone. Breve storia del Vecchio Continente post Seconda guerra mondiale attraverso le varie edizioni degli Europei di calcio.

 

 

Accadde oggi


 

Nel 1929 oggi la Città del Vaticano diventava uno stato sovrano nel cuore di Roma…

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi