cerca

Draghi all'attacco, nuovi spifferi su Regeni e Tiger Woods. Di cosa parlare stasera a cena

In esclusiva per noi Marco Alfieri seleziona e propone letture, spunti e idee per sapere quello che succede nel mondo.

21 Aprile 2016 alle 18:48

Draghi all'attacco, nuovi spifferi su Regeni e Tiger Woods. Di cosa parlare stasera a cena

Frase del giorno

 


La Bce obbedisce alla legge e non alla politica…”

 

Mario Draghi


 

 

Stato dell’Unione

 

La Bce tiene i tassi invariati ai minimi storici. Draghi: resteranno così o più bassi oltre il 2017. E suona la carica per le riforme: “Aiutano la ripresa e rendono resistenti agli choc.” L’Eurotower a marzo aveva tagliato il tasso di rifinanziamento principale di 5 punti base.

 

Perché Draghi ha scelto di attaccare come miglior forma di difesa (secondo Ferdinando Giugliano) e le cinque lezioni da trarre (secondo il Wsj) dalle parole odierne del capo della Bce.

 

Quando alla proposta renziana di eurobond per finanziare le politiche migratorie, la Germania ha detto no, è vero, ma l’idea piace a Bruxelles.

 

Brexit, la radice della paura. Numeri apocalittici, minacce, l’uomo nero nelle vignette. Il “Project Fear” contagia Londra alle prese con il referendum. Perché è così difficile parlare bene dell’Europa? Già, buona domanda…

 

Arrivato quasi alla fine del secondo mandato, qual è l’eredità della politica europea di Barack Obama, proprio in queste ore in tour nel vecchio continente? Ne parla Politico.

 

 

Sabbie arabe

 

Secondo la Reuters Giulio Regeni sarebbe stato detenuto dalla polizia prima di essere ucciso. I servizi segreti egiziani smentiscono la versione del Cairo.

 

L’opposizione siriana questa mattina ha abbandonato i colloqui di pace in corso a Ginevra. Mentre l’Onu ha messo in salvo cinquecento siriani feriti da quattro centri abitati sotto assedio. Tregua kaputt, insomma. Anche perché gli Usa sono sempre più preoccupati dai movimenti di truppe russe nel paese.

 

Piatto magro per il viaggio saudita di Obama che ha cercato di rassicurare alleati freddi verso la nuova politica mediorientale di Washington.

 

In che modo la prostrata economia irachena può davvero riformarsi, secondo Foreign Affairs.

 

 

Corsa alla Casa Bianca

 

Ma tra i democratici è più eleggibile Bernie Sanders o Hillary Clinton, si chiede Vox?

 

E poi un po’ di numeri sul tono dei dibattiti elettorali, chi cita chi e chi dispensa più messaggi negativi.

 

 

Il mondo oltre il Jihad

 

Nuova guerra fredda. La Russia al bivio tra riallacciare con l’Occidente e stringersi definitivamente a Putin. L’approfondimento dello European Council on Foreign Relation.

Il mondo, domani. I protagonisti del futuro saranno le megacity, non le nazioni. Il perché lo spiega Quartz.

Dieselgate. L’Ft nei giorni in cui anche Mitsubishi finisce sotto accusa per lo scandalo emissioni torna su Volkswagen e il ruolo di Angela Merkel quale lobbista dell’industria automotive tedesca. Anche a costo di chiudere gli occhi sulle ultime magagne (la casa tedesca ha trovato un accordo risarcitorio con le autorità Usa). A proposito di auto: sembra che Bmw e Daimler abbiano abbandonato i colloqui con Cupertino per lo sviluppo della Apple Car.

Addio mercato. Per la cronaca, sia in Germania che negli Usa c’è una caduta verticale di consensi verso il Ttip e gli accordi di libero commercio.

Cronaca di una morte annunciata. Chi lo dice che gli album musicali siano morti? Basta guardare quanto ha venduto l’ultimo di Adele…

Processo a Silicon Valley. Google è finito nel mirino della giustizia europea per Android. Ma è solo l’ultimo atto di una guerra tech in corso fra le due sponde dell'Atlantico.

Nel continente nero. Come un drone sta aiutando a salvare pazienti nelle zone isolate del mondo (specie in Africa). Lo racconta l’Atlantic (articolo tradotto in italiano da Internazionale).

 

 

Personaggi

 

Il presidente cinese Xi Jinping assume una nuova carica. Sarà comandante in capo di una nuova agenzia chiamata Centro di comando delle operazioni congiunte. È l’ennesima carica assunta da Xi, che è già capo del partito, dello stato e delle forze armate….

 

Chi è Popeye, il sicario di Pablo Escobar (quello del cartello della droga di Medellin) che ha ucciso 250 uomini…

 

Dalla morte del padre all’ossessione per i Navy Seal. La storia segreta di Tiger Woods.

 

 

Mappa del giorno

 


Qui il tasso occupazione 55-64anni in Europa. Sembra chiaro che il calo di nuovi pensionati in Italia è una buona notizia (via Francesco Seghezzi)…

 


 

 

Argomenti di dibattito

 

Incredibile amisci. Leggere Davigo a Teheran. La dottrina teocratica del nuovo presidente dell’Anm. Non c’è conflitto tra noi e i politici: basta che si adeguino. La presunzione di innocenza non esiste, si è colpevoli anche prima. Intercettazioni e moralismo.

L’età della trasparenza. Ma è davvero possibile fare diplomazia e relazioni internazionali senza più segreti? Molto difficile...

Falsi miti. Occhio perché i politici, numeri alla mano, mantengono spesso le loro promesse elettorali (molte, non tutte).

Moneta virtuale. Come funziona la tecnologia Blockchain, il database pubblico usato per registrare le transazioni in Bitcoin, e perché potrebbe rivoluzionare le nostre vite.

Er Pupone. I due goal di Totti al Torino dimostrano, ancora una volta, che Spalletti ha ragione. Siete d’accordo?

 

 

Ossessioni

 

Dio salvi la Regina. I novant’anni della Regina Elisabetta attraverso i suoi innumerevoli e sgargianti cappelli…

The Mall. Il lato oscuro dei centro commerciali, adesso che ad Arese hanno costruito quello più grande d’Europa (e altri ne arriveranno).

La morte si fa bella. Com’è innamorarsi di una bara a Tanexpo, l’esposizione internazionale che mette in mostra l'estetica straniante dell’industria funeraria.

 

 

Mettetevi comodi

 

L’avamposto. Una bella storia di Tel Aviv, raccontata attraverso le sue strade.

Transgender a vostra insaputa. La storia incredibile di un call center filippino che sta involontariamente consumando (e favorendo) una rivoluzione sessuale impensabile in quel paese. Protetta dalla riservatezza visiva del telefono.

Secolo breve. Nazik Armenakyan ha passato dieci anni alla disperata ricerca dei sopravvissuti al genocidio armeno: ne ha trovati 45. La strage degli armeni è iniziata il 24 aprile del 1915, falciando la popolazione da oltre due milioni e mezzo a meno di 400.000 persone in 7 anni. Molti dei sopravvissuti hanno dovuto poi sottostare al regime di Stalin e alla II Guerra Mondiale, in un disastro apparentemente senza fine (via Masaraht).

Anteprima. Il 10 maggio riparte “Gomorra”: IL Magazine ha visto la prima puntata e questo è ciò che vi aspetta (con solo due mezzi spoiler)…

 

 

Accadde oggi

 

 

Quarantanove anni fa oggi, a pochi giorni dalle elezioni politiche, il colonnello Georgios Papadopoulos guidava un colpo di stato in Grecia. Nasce la dittatura militare (durerà sette anni)…

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi