cerca

Armata russa in Siria, i caucus in Iowa e il suicidio di uno chef. Di cosa parlare stasera a cena

In esclusiva per noi Marco Alfieri seleziona e propone letture, spunti e idee per sapere quello che succede nel mondo.

1 Febbraio 2016 alle 18:45

Armata russa in Siria, i caucus in Iowa e il suicidio di uno chef. Di cosa parlare stasera a cena

Frase del giorno


 

Ma per salvare la fascia protetta era meglio Iacona con il sesso degli adolescenti che le battute della Littizzetto…”

Antonio Polito


 

 

Sabbie arabe

 

Il ministro della Difesa francese, Jean-Yves Le Drian, ha ricordato che lo Stato islamico si trova a soli 350 chilometri da Lampedusa: "Serve una soluzione politica in Libia…" In effetti!

 

Dalla Russia con furore. A Latakia, in Siria, le immagini rilevate da un satellite israeliano confermano un dispiegamento massiccio di aerei e batterie di missili di Mosca. “Così Putin può controllare anche il Mediterraneo.”

 

Invece in Afghanistan i nuovi alleati dei russi si chiamano Taliban. Com’è strano il mondo. Ne parla Foreign Affairs. Bloomberg a sua volta si concentra sulla nuova, pericolosa escalation Russia-Turchia. Casus belli un altro sorvolo oltreconfine.

 

L’impatto che il crollo del barile potrebbe avere sulla fragile economia irachena alle prese con l’offensiva jihadista, è tutt’altro che banale. Ne parla il Nyt.

 

 

Corsa alla Casa Bianca

 

Stasera nell’Iowa si svolge il primo caucus, l’assemblea degli attivisti per decidere i candidati che parteciperanno alle convention del partito democratico e di quello repubblicano. Secondo i sondaggi il repubblicano Donald Trump ha un leggero vantaggio su Ted Cruz, mentre la democratica Hillary Cliton ha un piccolo margine nei confronti di Bernie Sanders.

Perché i caucus in Iowa sono diventati un problema per Democratici e Repubblicani, secondo il Washington Post. Più in generale i temi in cima alle preoccupazioni degli americani nella lunga corsa al voto di novembre, messi in fila dal Pew Reserach. E chi invece sta vincendo la corsa ai finanziamenti elettorali.

 

Tra i repubblicani avanza Trump, fino a pochi mesi fa sottovalutato da tutti. E se succedesse quello che non può succedere? C’è quasi un precedente: l’elezione dell’improbabile “Buzz”…

 

Il duello tra due opposte visioni (e due destini) del Gop, ossia Trump contro Cruz, è una bella analisi del New Yorker.

 

E Hillary? Hillary dovrebbe vincere, scrive Nate Silver. Sanders è vicino nei sondaggi ma non sta guadagnando sulla ex first lady.

 

 

Stato dell’Unione

 

Il Financial Times la tocca piano. La sostenibilità italiana nel medio-lungo termine avvicina Roma ai guai di Atene. Ci risiamo! Anche perché, scrive Politico, mica è definitivamente scomparso lo spettro di una Grexit…

 

Quel che la Francia vuole da Cameron per il via libera alle riforme Ue (e scongiurare una Brexit), raccontato da Politico.

 

Se ne parla poco ma i paesi europei stanno aumentando i budget della difesa e della sicurezza per contrastare il terrorismo. Addio austerity!

 

Ah, “i contributi per i profughi fuori dal conto del deficit”. Arriva la precisazione della Commissione Ue: il denaro del fondo da 3 miliardi per la Turchia fuori dalle regole di bilancio. Ne avevano parlato venerdì a Berlino Renzi e Merkel. Sulla flessibilità dei conti, si vedrà.

 

 

Se ne parla oggi

 

Non andremo più in banca. Ah, come soffre la mia banca. Crediti e debiti, catalogo dei misfatti. Colpa della crisi, certo, ma anche di alcune amicizie eccellenti.

Big Oil. Perché Matteo Renzi è volato in Nigeria. C’entra l’Eni e la crisi del governo locale dopo il crollo del prezzo del petrolio. Mentre Boko Haram continua la sua tragica mattanza fuori e dentro il grande paese africano (colpendo anche gli impianti petroliferi):

Segui i soldi. Più della crisi finanziaria, sono i Millennials che stanno cambiando la faccia ai mercati azionari. E poi la guerra delle monete: gli hedge fund americani all’attacco dello yuan cinese.

Il tesoro dei dati. Ancora niente accordo tra Usa e Ue sull’erede del Safe Harbor.

 

 

Personaggi

 

Chi è davvero il Putin ceceno, Ramzan Kadyrov.

La storia dimenticata dello Schindler giapponese. La racconta Vice News.

I nuovi giovani signori della droga che si contendono il trono vacante di El Chapo.

Il suicidio dello chef campione del mondo, Benoit Violier, e la pressione competitiva dell’alta cucina (se di pressione si tratta).

 

 

Mappa del giorno


 

In Italia rischio Industry 0.0 vista la (non) velocità delle nostre connessioni internet (via Francesco Seghezzi)…

 


 

                                                                                                     

Argomenti di dibattito

 

Il bivio. L’austerity funziona, ma forse non aiuta la rielezione. Caro Renzi, è il momento della verità. E poi cinque fatti che rendono così incerta la classe media globale, secondo Ian Bremmer.

L’esercito delle api. Alcuni ricercatori italiani ritengono che le api, grazie al loro olfatto straordinario, possano diventare efficaci agenti anti terrorismo specializzati nell’individuazione di esplosivi.

Amico robot. I robot vogliono liberarci dalla schiavitù del lavoro salariato: almeno così recita un appello da loro firmato (!) e diffuso in occasione del World Economic Forum. Siamo pronti ad accettare il loro aiuto, o ci fanno ancora paura?

Ne val la pena? Dopo l’ennesimo virus (zika), torna di attualità la vecchia domanda: l’uomo dovrebbe impegnarsi per debellare per sempre le zanzare?

Non è come credi. Com’è il nuovo disco di Rihanna? Secondo il Washington Post non è un granché: manca dei "tormentoni pop" che l'hanno resa chi è oggi (articolo tradotto in italiano da Il Post).

 

 

Ossessioni

 

Siamo fatti così. L’Human fertilisation and embryology authority del Regno Unito ha dato il via libera a un progetto di ricerca del Francis Crick Institute di Londra per lo studio delle cause dell’infertilità. Sarà modificato il dna di embrioni, donati da coppie che hanno avuto accesso a tecniche di fecondazione assistita. Gli embrioni non dovranno avere più di sette giorni di età e non potranno essere impiantati (via Internazionale).

Ombre cinesi. La truffa record dei “Madoff cinesi” brucia i risparmi di novecentomila investitori. Arrestati i gestori del sito di prestiti eZubao: con lo schema Ponzi frodati 7 miliardi.

Ozio attivo. Il 90% dell’energia consumata dal cervello umano è spesa facendo niente, pare. In realtà il cervello monitora continuamente i suoi collegamenti neuronali, non è che non fa niente (via Pietro Minto).

Modello Facebook. E’ possibile avere una vita soddisfacente, completamente online? Se lo chiede Quartz.

 

 

Mettetevi comodi

 

Legione straniera. Il viaggio dell’Atlantic tra i volontari occidentali che combattono l’Isis. Credono di essere Rambo, invece…

Virus letale. La storia di Zika, il virus isolato per la prima volta in Uganda nel 1947, raccontata sul National Geographic da David Quammen, l’autore di Spillover.

Medaglie olimpiche. Dieci anni dopo le Olimpiadi invernali di Torino, il Villaggio olimpico si è trasformato in una nuova casa per rifugiati di ogni Paese del mondo. Un reportage firmato da Sean O’Neill (via Rivista Studio) su Al Jazeera.

Zio Sam. Le difficoltà degli immigrati musulmani ad ottenere un permesso o un visto per gli Usa possono durare anni e anni. A meno che non diventino informatori dell’Fbi. Un ottimo long form di BuzzFeed.

Che City. Il tecnico del Bayern Guardiola allenerà per i prossimi tre anni il Manchester City: come si svilupperanno le sue idee tattiche in Premier?

 

 

Accadde oggi


 

Trentasette anni fa oggi l’Ayatollah Khomeini veniva accolto a Teheran, dopo quasi 15 anni di esilio. Comincia la rivoluzione iraniana…

 


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi