cerca

Jet italiani anti Isis, Fca contro Volkswagen e Michael Jordan. Di cosa parlare stasera a cena

In esclusiva per noi Marco Alfieri seleziona e propone letture, spunti e idee per sapere quello che succede nel mondo.

6 Ottobre 2015 alle 19:00

Jet italiani anti Isis, Fca contro Volkswagen e Michael Jordan. Di cosa parlare stasera a cena

Frase del giorno

 

La Procura di Palermo chiude l'inchiesta: la telefonata di Crocetta riportata dall'Espresso non c'è. Ovviamente, la notizia è una breve…”

Nicola Mirenzi

 

 

Sabbie arabe

 

La Nato accusa la Russia sulla Siria. Il segretario generale Jens Stoltenberg ha detto che le invasioni dello spazio aereo turco non sono state "incidenti", e che Mosca sta inviando truppe di terra in Siria.

 

Una bella mappa del Nyt mostra come gli obiettivi degli strike siriani di Usa e Russia puntino effettivamente a target diversi. Non convergono contro le postazioni dello Stato islamico.

 

Il leader turco Erdogan tratta sull’immigrazione a Bruxelles, Washington parla di guerra, entrambi vogliono un’area “no-fly” in Siria.

 

Perché Assad, di fatto “scaricato” dagli iraniani, è tornato a chiedere aiuto a Mosca nella interessante ricostruzione dello Spiegel.

 

Purtroppo, come spiega questo report, la storia di bombardamenti americani basati su cattive notizie afghane, come nel caso dell’ospedale di MSF colpito a Kunduz, non sono una novità…

 

A proposito. I Tornado italiani pronti ai raid in Iraq contro il Califfato, preparatevi alla rumba (in Parlamento e nel paese)…

  

 

Se ne parla oggi

 

Dove passano le merci. Vincitori e vinti nel mega accordo commerciale transpacifico TPP appena approvato e perché i problemi cominciano ora, considerando che gli alleati asiatici di Washington interpreteranno l’accordo in chiave anti Cina.

E i Francesi che s’incazzano. Non solo Air France. Le proteste degli operai in Francia (contro aziende e manager) hanno storicamente una letteratura piuttosto ricca (e violenta).

La guerra delle auto. Fca non si limita a non abusare della Cassa Integrazione, ora paga anche incentivi rottamazione ai clienti VW, costretta a fare “spending review” su progetti e investimenti futuri.

Segui i soldi. La tassazione delle aziende multinazionali è a un punto di svolta. Le nuove regole più stringenti, adottate in sede Ocse/G-20, obbligheranno le multinazionali (digitali e non) a compilare dei report sull’attività svolta in ogni Paese: sarà così più difficile eludere il fisco.

La festa è finita. La Corte di Giustizia europea ha dichiarato invalido il programma "Safe Harbor", che consentiva il passaggio dei dati personali tra le sponde dell'Atlantico. Ci sarannno conseguenze per Google, Facebook e gli altri colossi tech…

 

 

Mappa del giorno

 

Quanto sono vicini i principali partiti inglesi (Labour e Tory) ai vari gruppi sociali che compongono il paese

 

 

                                                                                                     

Argomenti di dibattito

 

Fine della storia? La Siria e il nuovo disordine mondiale nell’ottima analisi del New Yorker.

Dominatori dell’universo. Un nuovo profilo a dir poco “terrificante” di Mark Zuckerberg, pubblicato da Esquire.

Cin Cin. Il mercato mondiale del vino è cambiato moltissimo, con il crollo dei consumi nei paesi dell’Europa mediterranea e il prepotente ingresso dei paesi del cosiddetto nuovo mondo. Per sopravvivere alla “guerra del vino” bisogna puntare su sei variabili chiave. Dalla qualità all’eccesso di varietà. Lezione per il made in Italy.

L’auto del popolo. Perché il dieselgate segna la fine della vecchia anima aziendale Volkswagen.

Il pane e le rose. Fuori dal derby fra cheerleader dell'innovazione e anti-capitalisti fuori tempo massimo, come si sta evolvendo il dibattito sul modello lavorativo della sharing economy.

 

 

 

Cose da sapere

 

Un fisico bestiale. Il premio Nobel per la Fisica 2015 è stata assegnato a Takaaki Kajita e Arthur B. McDonald per le loro ricerche sulle oscillazioni delle particelle subatomiche chiamate neutrini, che hanno dimostrato l’esistenza di una loro massa.

Piacere, Ifixit. C’è un sito che sta conquistando l’Europa con i suoi manuali per le riparazioni fai-da-te. Ifixit fornisce gratis soluzioni per rimettere a posto 4.000 prodotti, soprattutto cellulari e apparecchiature hi tech, che altrimenti finirebbero in discarica.

Grande Mela. Non è chiaro quanto Apple abbia pagato per l’acquisizione di una piccola startup tecnologica specializzata nell’intelligenza artificiale. Si chiama Perceptio e ha inventato un software capace di riconoscere le immagini senza invadere la privacy degli utenti (via Internazionale).

Liberismo selvaggio, eh. Per la prima volta la proporzione di popolazione planetaria che vive in condizioni di estrema povertà scenderà entro il 2015 sotto la soglia del 10% del totale.

 


 

 

Ossessioni

 

Rete celeste. Per la cronaca, le regioni più povere e isolate dell’Africa avranno Internet dallo spazio grazie a Facebook che ricorrerà ad un satellite israeliano.

Giappone segreto. Una guida ai videogiochi underground giapponesi in dieci titoli. Alla scoperta di giochi e personaggi che fanno della scena giapponese una delle realtà più vivaci del panorama videoludico meno convenzionale.

Mangia che ti passa. Come molte imprese americane stanno facendo soldi sfruttando l’obesità della gente.

Riposa in pace. I posti migliori per morire secondo l’Economist.

 

 

Mettetevi comodi

 

Nuovi sciamani. L’incredibile storia degli agricoltori californiani che stanno assumendo guide spirituali per trovare l’acqua (dopo mesi e mesi di siccità).

Lamento di un trafficante (di armi). Osama Kubbar nel 2011, attraverso il Qatar, forniva armi e sostegno alle fazioni ribelli anti Gheddafi e oggi guarda dalla Tunisia il suo paese, la Libia, dilaniato dal caos e l’estremismo islamico. Foreign Policy racconta la storia mozzafiato di una rivoluzione fallita.

Liberi libri. Storia, mitologia (ed economia) di Adelphi, la casa editrice che ora diventerà una bandiera della diversità.

Le strade della seduzione. Joel Meyerowitz è un artista che per oltre mezzo secolo ha catturato momenti, spesso frazioni di secondo, e ha saputo renderli eterni.

Come fly with me. Tra i dirigenti circolano molte versioni diverse su chi abbia davvero portato Michael Jordan alla Nike: dopo più di trent'anni in tanti reclamano il merito di una delle sponsorizzazioni sportive più fruttuose di sempre…

 

 

C’era una volta

 

Esattamente 15 anni fa, il presidente jugoslavo Milosevic consegnava le sue dimissioni (do you remember la guerra in Kosovo?)

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi