cerca

Addio Varoufakis, gli spioni spiati e Andrea Pirlo a New York. Di cosa parlare stasera a cena

In esclusiva per noi Marco Alfieri seleziona e propone letture, spunti e idee per sapere quello che succede nel mondo.

6 Luglio 2015 alle 18:59

Addio Varoufakis, gli spioni spiati e Andrea Pirlo a New York. Di cosa parlare stasera a cena

Frase del giorno


 

“Non per essere taccagni in questo momento di trionfo della democrazia, ma oggi ogni italiano ha perso circa 650 euro…” #Greferendum

Stefano Cingolani


 

 

Melodrachma

 

All’indomani della vittoria dei no al referendum greco sul piano di aiuti dei creditori, si è dimesso il ministro delle finanze Yanis Varoufakis, l’uomo che trattava all’Eurogruppo. Secondo quanto ha scritto nel suo blog, la sua presenza al tavolo delle trattative non era gradita ad alcuni soci europei e quindi Varoufakis ha deciso di ritirarsi per rafforzare la posizione del premier Tsipras. A poche ore dalla cena Hollande-Merkel all’Eliseo e alla vigilia dell’Eurogruppo di emergenza convocato per domani sera, il Fmi si dice pronto ad aiutare Atene. Intanto le banche non riapriranno per i prossimi giorni.

 

Per un'intesa, Merkel e Tsipras dovranno rinunciare entrambi a qualcosa. Il nodo da sciogliere è: il risultato del referendum ha ristretto o allargato i loro margini manovra? A tal proposito Bloomberg spiega perché Tsipras ha deciso di giubilare Varoufakis (sull’altare della trattativa ma non solo). Per i media internazionali sarà un lutto non poter più raccontare le gesta del ministro centauro. 

 

A come Alba Dorata, ma anche V come Varoufakis. Il dizionario della crisi greca, parola per parola; una mappa aggiornata dei creditori della Grecia (occhio all’Italia) e lo split del voto giovani-vecchi nel referendum.

 

Dopo il no, che succederà? L’euro andrà avanti con chi ci sta? Le dimissioni di Varoufakis certamente non basteranno dentro uno scenario pieno di incognite. Quanto alla reazione dei mercati (tanto temuta ieri sera), c’è molta incertezza, c’è trepidazione, ma non panico (almeno per ora). 

 

Lo Spiegel la tocca piano: più che la Grecia, il vero fallimento europeo è la leadership di Angela Merkel. L’unica istituzione davvero decisiva sembra essere la Bce di Draghi. Ma non può fare tutto: senza una vera unione politica la moneta non basta e i casi Grecia si moltiplicheranno.

 

La Grecia degli americani invece si chiama Portorico. Una vera tragedia…

   

 

Se ne parla oggi

 

Saremo alleati? Politico Magazine prova a spiegare perché l’ayatollah Khamenei, guida suprema iraniana, alla fine voglia un accordo sul nucleare con gli “infedeli” occidentali. Anche se a Vienna il rush finale è irto di ostacoli (c’è tempo fino a giovedì). Kerry: possiamo sempre lasciare il negoziato. Zaire: restano divergenze.

Jihad quotidiana. Catturato dai libanesi, Ahmen Mikati, ex colonnello del Califfo Al Baghdadi, rivela che l’obiettivo dell’Isis è conquistare uno sbocco sul mediterraneo per il traffico di petrolio e le azioni terroristiche. Mentre Lettera43 rivela una cosa agghiacciante: in che modo Isis utilizza disabili, barboni e persino bimbi come kamikaze.

Vaticano in trasferta. Papa Francesco è sbarcato in Sudamerica per un importante giro pastorale, il più lungo del suo pontificato. La sfida è strategica: “riconquistare” un continente tradizionalmente cattolico, sedotto da secolarismo e culti protestanti. 

Chi la fa l’aspetti. Lo spione spiato: Hacking Team si fa fregare 400 giga di dati. Comprese fatture a governi e link a Youporn…

 

 

Personaggi 

 

Con quel nome un po’ così. Chi è Euclid Tsakalotos, il duro gentleman che sostituirà Varoufakis. Dovrebbe occupare (ad interim) il dicastero delle Finanze del governo greco dopo le dimissioni del ministro rockstar. Modi aristocratici e studi altolocati, ma ideologia decisa. Con chi avranno a che fare i negoziatori europei.

Il nuovo padrone di Samsung. Lee Jae-yong è il figlio del patriarca del colosso coreano. Ha chiesto scusa per lo scandalo Mers e sta impostando il futuro delle nuove generazioni.

Ciao Maestro. Andrea Pirlo dopo quattro anni lascia la Juve e l’Italia per accasarsi a New York. Il benvenuto della sua nuova squadra e una bellissima intervista rilasciata poco tempo fa a Malcom Pagani: "ho sempre saputo di essere il più bravo…"

 

 

Mappa del giorno


 

La Grecia è UN problema, la Cina rischia di essere IL problema

 


 

 

Argomenti di dibattito

 

Nuova guerra fredda. Secondo il Daily Beast gli Usa hanno perso il bandolo della strategia nei confronti di Mosca. Non basta certo mostrare i muscoli per riportare la pace ai confini russi. E poi una bella infografica sulla (geo) politica energetica di Putin.

Dalla terra alla luna… Il fallimento del lancio del razzo SpaceX, esploso in volo due minuti dopo il decollo, dimostra che c’è bisogno di più voli commerciali, non meno. Parola di Buzz Aldrin…

… e da Berlusconi a Renzi. Cosa ci ha lasciato, alla fine, il Cavaliere, dal punto di vista dell’innovazione nella comunicazione? E come si è comportato nell’ultimo ventennio il centrosinistra? Ne parla Paolo Natale. 

La parola giusta. Trovare un nome corretto per le nuove malattie è estremamente importante, e prima lo si fa meglio è. Permettere che l’influenza del 2009 fosse ribattezzata “suina”, per esempio, ha provocato una strage di maiali. E, prima che si trovasse l’acronimo AIDS, fu un disastro (via Rivista Studio).

 

 

 

Cose da sapere

 

Il lavoro dei sogni. Una bella lista di grandi aziende dove i Millennials vorrebbero lavorare e perché.

Altri hotel. TechCrunch ha compilato una interessante storia (fotografica) del fenomeno Airbnb. Addio vecchi alloggi!

Nel Continente nero. Il Kenya sta costruendo il più grande parco eolico del mondo. A regime coprirà il 20% del proprio fabbisogno energetico.

Tutto intorno a te. La pubblicità del futuro? Ci inseguirà grazie ai device che usiamo, dagli smartphone alla tv intelligente.

 

 

Ossessioni 

 

Piovono polpette. Fast Company mette in fila tutti i momenti chiave nell’innovazione della hamburger, tornata di prepotenza la regina della carne.

Fronte del palco. Se siete stati di recente ad un concerto in Italia, sappiate che il grosso del cartellone è organizzato dal colosso Live Nation, che ha messo mani nell’intera filiera dell’entertainment.

La vita è un casting. Dentro il mondo dei sosia professionisti. Finché ci sarà gente disposta a pagare per credere anche solo per qualche secondo di trovarsi di fianco a una celebrità, loro ci saranno…

 

 

Mettetevi comodi

 

Uomini target. Technology Review indaga il lato oscuro del sistema di targeting pubblicitario di Google. Non tutto è così limpido come vogliono far sembrare.

Passaggio a Oriente. Lucky Peach descrive magistralmente in che modo McDonald’s ha conquistato Pechino e poi il grande mercato cinese. Stratagemmi compresi. 

Ragazza di campagna. Una 23enne americana chatta quotidianamente con un reclutatore dell’Isis. Il Nyt racconta la sua storia in un piccolo documentario molto ben fatto.

La vendetta di Hope. Le controversie, le polemiche e le rivincite di Hope Solo, campionessa del mondo, miglior portiere di calcio femminile in attività, distillate da Giuseppe De Bellis.

 

 

Compleanni


 

Oggi compie ottant’anni Tenzin Gyatso, il 14esimo Dalai lama

 


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi