cerca

Le parole di Khamenei, spari a Milano e il campione di freccette. Di cosa parlare stasera a cena

In esclusiva per noi Marco Alfieri seleziona e propone letture, spunti e idee per sapere quello che succede nel mondo.

9 Aprile 2015 alle 18:50

Le parole di Khamenei, spari a Milano e il campione di freccette. Di cosa parlare stasera a cena

Frase del giorno


Gherardo Colombo (a proposito della sparatoria al Tribunale di Milano): ‘Forse contribuisce questa svalutazione della magistratura…’. Niente, non c'è più limite a niente.”

Mattia Feltri


 

 

Sabbie arabe

 

Pantano yemenita. Secondo Al Jazeera la guerra per procura Iran-Arabia Saudita in corso nel piccolo stato arabo è lo scenario peggiore: nessuno dei contenenti vincerà e a farne le spese sarà lo Yemen che uscirà distrutto dalla contesa. Non solo. Un’interessante video spiegazione del Wall Street Journal analizza l’impatto della guerra intestina sunniti-sciiti su tutto il quadrante mediorientale. 

I punti deboli di al Shabaab. Dopo l’attacco all’università di Garissa, il Kenya bombarda le postazioni dei jihadisti in Somalia. Gli attentati garantiscono esposizione mediatica al gruppo terrorista e ne ingigantiscono la forza. Ma…

 

Guerra & Pace

 

Saremo alleati? Dopo l’appeasement seguito all’accordo quadro di Losanna da perfezionare entro fine giugno, cominciano le scaramucce tra Usa e Iran. Washington accusa Teheran di sostenere i ribelli Houthi in Yemen e Teheran avvisa Washington che firmerà l’accordo sul nucleare solo se verranno tolte subito tutte le sanzioni. Anche la guida suprema, Ali Khamenei, interviene per la prima volta sul disgelo e raffredda gli entusiasmi: intesa non vincolante, dipende dai dettagli. Nel frattempo il possibile deal crea preoccupazione nel presidente siriano Assad. Ecco perché.

Conflitto israelo-palestinese. La Francia torna protagonista con una proposta per la pace. L’Eliseo presenterà una risoluzione al Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Tre i punti: definizione dei confini pre-1967 di Israele con possibilità di “scambi di territori”, Gerusalemme “capitale di Israele e Stato di Palestina”, “soluzione giusta” per i rifugiati palestinesi.

Faide ucraine. Newsweek racconta la guerra sporca in corso a Kiev e la strana catena di (otto) suicidi che in questi mesi hanno travolto businessmen e personaggi vicini al partito dell’ex presidente Yanukovich. 

 

 

Se ne parla oggi

 

Penultimatum (stucchevole). Le autorità europee avrebbero concesso alla Grecia altri sei giorni (ultimativi) per ripresentare una lista di riforme credibili e strutturali. Nel frattempo Atene ha rimborsato i 450 milioni di prestito al Fondo Monetario.

Cavallo di Troia. Putin, Tsipras e quelle radici spirituali comuni. Dopo la fine del comunismo la fede cristiana è tornata a essere un elemento unificante. Secondo Foreign Policy il premier greco sta usando tatticamente la sponda russa per ottenere concessioni sul fronte dei (tanti) creditori di Atene. Un gioco antico (parecchio rischioso).

La moneta non dorme mai. Il Think Tank Bruegel spiega cosa significa il dollaro forte per le economie del resto del mondo.

Big Oil. L’Economist spiega come cambierà il business globale dell’energia dopo il mega deal tra Shell e British Gas. Da seguire anche la progressiva exit strategy del colosso russo Gazprom dalle società europee. Fatti, numeri e ricostruzioni.

Boston bombing. Il processo e la condanna del giovane Dzhokhar #Tsarnaev per l’attentato durante la maratona di Boston del 2013 spiegati bene da Vox. Restano tuttavia due punti ancora irrisolti.

Le elezioni degli altri. Il bellissimo speciale dell’Economist (con video, approfondimenti, dati e tabelle) sul voto inglese di maggio e la strategia del candidato laburista Ed Miliband per il rush finale.

Americas Summit. Obama, Castro & Maduro sono i grandi protagonisti del vertice Panamericano di Panama city. Ma il vero dramma latino-americano è la mancanza di crescita e un sistema economico che si è inceppato.

 

 

Mappa del giorno


Tutti i paesi del mondo in cui Uber è completamente (o parzialmente) vietato 

 


 

 

Italy in a day

 

Far West Milano. Claudio Giardiello, imputato per bancarotta fraudolenta, stamattina ha sparato in un’aula del tribunale di Milano causando 3 morti. Tra le vittime un giudice fallimentare e l'ex avvocato dell'assassino. Il Procuratore Bruti Liberati: “Entrato con tesserino falso”. Il ministro Alfano: “Era pronto a uccidere ancora”. Chi è l’imprenditore killer, i suoi guai finanziari, chi sono le vittime del folle gesto e la fuga dal tribunale del killer. L’unico precedente che si ricordi di sparatoria in tribunale a Milano è nell’aula bunker a fine anni '80, durante il processo al boss Epaminonda, il mafioso delle bische (poi pentito). Quel che colpisce però è che in poche ore il gesto di uno squilibrato è diventato una minaccia per l’Expo o indice di conflitto sociale. Siamo un paese sull’orlo di una crisi di nervi.

Conti pubblici. Il Def “furbetto” di Renzi nell’analisi di Stefano Cingolani. Per il secondo anno consecutivo, la politica economica del governo italiano ruota attorno a un negoziato con la Ue sulla flessibilità, in parole povere sul rinvio del pareggio di bilancio e della regola del debito. Secondo Thomas Manfredi, invece, siamo davanti al Def della “grande redistribuzione” di carico fiscale/spesa e quello del premier fiorentino non si sta mostrando un governo liberale.

Che Expo sarà. Il Reportage di Carlo Verdelli per Repubblica a 21 giorni dal via. A Milano si lavora giorno e notte per evitare il flop.

 

 

Argomenti di dibattito

 

Aspettando Godot. L’Europa è invertebrata e c’è Annibale alle porte. Ci attendiamo che gli Usa garantiscano la sicurezza del Vecchio Continente. Washington però ormai guarda al Pacifico, mentre ai nostri confini ci sono due crisi che non possiamo più ignorare.

Responsabilità sociale d’impresa. È interessante notare come i grandi manager delle corporation cinesi, Jack Ma in testa, comincino a prendere posizione su temi sociali sensibili, dalla politica sul figlio unico ai matrimoni gay.

Il passato che non passa. A 150 anni dalla battaglia di Appomattox e la resa del generale #Lee contro le truppe di Ulisse #Grant, l’Atlantic s’interroga sul fatto che la guerra civile americana in realtà non sia del tutto terminata. Perché le grandi questioni al centro di quel conflitto, sono ancora le grandi questioni aperte…

L’algoritmo della nostalgia. Ai tempi della sua scoperta la nostalgia era considerata una malattia mentale. Oggi attraversa un periodo di particolare fortuna anche online, grazie ad app e servizi dedicati a riportare a galla ricordi digitali – che però non risultano sempre graditi.

 

 

Cose da sapere

 

Un pieno di elettricità. Mike Orcutt su Technology Review spiega che il costo delle batterie al litio che alimentano le auto elettriche sta scendendo dell’8% l’anno. Significa che presto i prezzi di queste vetture diventeranno concorrenziali con quelli delle macchine tradizionali, anche per il ceto medio.

L’importanza della giurisprudenza. Una breve storia dei precedenti della Corte suprema americana potrebbe aiutare a capire come verrà trattato dai giudici il caso di Walter Scott, l’uomo di colore ucciso da un poliziotto in Sud Carolina. E un’analisi statistica di FiveThirtyEight sui neri uccisi dalla polizia nei vari stati americani: il Sud Carolina è non a caso al top.

Vita da Chelsea Manning. La prima intervista dal carcere dopo il cambio di genere della militare condannata per aver passato informazioni a Wikileaks.

Chi ha tradito Anna Frank? Fu la sorella della sua protettrice a svelare il suo nascondiglio. La donna che lavorava come dattilografa per il padre di Anna era una collaborazionista della Gestapo.

 

 

Ossessioni

 

Vi mando il curriculum. Tutto quel che serve per diventare un agente #Fbi. Cominciando dai corsi preliminari, fitness e psicologia.

I più grandi amici di Facebook. Radiografia del social network più famoso del mondo: chi lo usa, da dove lo usa, quanto guadagna e come.

Amici Visitors. La Nasa è sicura di trovare segni di vita aliena nel giro di vent’anni. Ma la scoperta più probabile saranno microscopici batteri, non omini verdi come da iconografia cinematografica.

 

 

Mettetevi comodi

 

Perdita di status. Nelle pieghe della comunità sunnita, che non accetta la caduta di ruolo egemonico in Medioriente seguita alla guerra in Iraq.

Ritratto d’interno (presidenziale). Il bellissimo racconto di Politico sulla vita segreta di Bill & Hillary Clinton alla Casa Bianca, nei mesi bollenti dello scandalo Lewinsky.

La sala degli specchi. Un ottimo long read del Guardian cerca di “entrare” al Cremlino per indagare sulla nuova strategia di comunicazione di Putin, tra fake, troll e depistaggi.

C’è una vita fuori. Phil Taylor, inglese, è il più grande giocatore di freccette di tutti i tempi. Arrivato a 54 anni, non vuole smettere. La verità è che ha bisogno più lui del gioco di quanto il gioco abbia bisogno lui. Lo racconta il Guardian in un intenso long read, perfetta metafora dell’esistenza.

Miami Vice. Nel 2008 il regista Billy Corben si è imbattuto in un articolo nel Miami New Times che parlava dei combattimenti clandestini di Miami, e da allora ha iniziato a seguirli con interesse sempre maggiore. Ah, sono pieni di sangue.

 

 

Foto del giorno


Sopravvivere a Petropavlivka, Ucraina (Foto: Afp)


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi