cerca

La sparizione della figlia del diplomatico nordcoreano: l'"alfanata" di Salvini

Idee e spunti per sapere quello che succede nel mondo selezionati per voi da Giuseppe De Filippi

20 Febbraio 2019 alle 17:48

La sparizione della figlia del diplomatico nordcoreano: l'"alfanata" di Salvini

L'Anm torna a farsi sentire, come non faceva da tempo, per una difesa classica, d'ufficio, contro le contestazioni, per la verità solo accennate questa volta, sulla giustizia ad orologeria. L'espressione sa un po' di antico ormai, ma il tema torna a presentarsi, come in molto hanno constatato la sera dell'arresto dei Renzi, che ha oscurato, ma è stato un caso, figuriamoci, il terribile imbarazzo dei 5 Stelle diventati difensori dell'immunità ministeriale a favore di Matteo Salvini. Insomma, mentre un ministro veniva tenuto a distanza di sicurezza dalle procure, i genitori di un ex governante venivano, come è noto, dati in pasto al circo mediatico. E allora può scappare qualche riferimento all'orologeria, senza che l'Anm si debba troppo adirare.

  

La manovra correttiva che c'è ma non si dice, ma il migliore è Tria che mentre la smentisce ricorda anche che c'è un fondo cuscinetto per coprire proprio le uscite finanziarie che dovessero manifestarsi nell'anno.

 

Ma il fatto del giorno di cui parlare a cena è la alfanata, da Angelino Alfano, di Salvini, che si fa rapire a Roma, sotto al naso, la figlia di un diplomatico nordcoreano in dissenso col regime. Succede un brutto guaio, insomma, ma c'è una certa reticenza in giro, non si sentono quei toni indignati anti-Alfano del caso Shalabayeva, e però qualcuno parla, anche nella maggioranza.

  

  

La storia dei diamanti fa anche un po' ridere, come tutte le truffe. Però proponete a cena una domanda: ma allora il governo che intende salvare tutti gli investitori ingannati da precedenti investimenti questa volta dovrebbe anche rifondere il malaccorto Vasco Rossi?

 

Interessanti convergenze tra anti Corbyn e anti May, tutti i delusi dalle linee ambigue dei leader e contrari all'uscita dall'Ue si danno appuntamento in un nuovo gruppo parlamentare a Westminster. E se fosse questa, e non la folle sciocchezza della Brexit, la lezione per l'Italia?

  

 

Beh, stasera in vista delle sfide Champions, con anche la Juventus schierata a Madrid, vale la pena di porsi questa domanda che rubiamo al Guardian. La provenienza inglese dell'analisi mette un po' di pepe in quello che altrimenti sarebbe banale catenaccismo e visto che arriviamo dai due 0-0 di ieri sera siamo anche nella stretta attualità.

 

  

Ancora su Lagerfeld, per capire meglio.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi