cerca

Lettere d’amore al top

Canti da orinatoio, battaglie di Garibaldi, quiz in tv. Ma alla fine l’Innamorato fisso torna al suo tema preferito

10 Dicembre 2018 alle 14:24

Lettere d’amore al top

Tutti i lunedì sul Foglio, il nostro Innamorato fisso Maurizio Milani risponde alle vostre lettere sull’amore. Domande, richieste di consigli e lamentele sulle vostre morose e i vostri morosi possono essere inviati entro il giovedì precedente l’uscita in edicola all’indirizzo e-mail cuorefisso@ilfoglio.it.

 


 

E’ vero che sei uno dei massimi esperti di canti da orinatoio? Puoi dirci qualcosa? Oppure è meglio di no?

Luca, Adria

 

Grazie, hai detto bene! Sono un esperto (tra i primi dieci al mondo) per i canti da orinatoio. Mentre per i canti da latrina mi intendo ma non a quei livelli. Ti ricordo che nell’area Schengen i canti da orinatoio sono stati vietati ieri. Però tanti li fanno ancora. I canti da latrina li fanno ancora. I canti da latrina sono stati messi invece al bando nel 1960. Tranne in Oregon. I canti sia da latrina che da orinatoio richiedono dei requisiti per chi li fa. Primo, essere disoccupato e avere tempo da perdere a cantare. Due, non avere impegni sportivi (vedi elenco sito Foglio). Nelle docce comunali invece è permesso cantare ma non canzoni patriottiche. Sarebbe mancanza di rispetto. Essendo usate non solo da italiani, in doccia chi canta deve essere romantico.

Breve storia di questi strani canti fatti. Le prime notizie di canti fatti apposta per orinatoio si hanno in Alabama nel 1502. La zona è quella lo stato non si chiamava così. Era un gruppo di mandriani che avevano deciso di stabilirsi in quelle terre e avevano l’obbligo di tornare in Europa ma loro si misero a cantare. Per cui furono fucilati. I canti erano così belli che chi li ha ascoltati rimase molto commosso. Oggi dei 26 mila canti da latrina riconosciuti validi, di quelli ne rimangono solo cento. Il più famoso cantante da orinatoio (vedi nome sul sito Foglio) poteva esibirsi in 20 o 25 posti diversi, la sua carriera iniziò nel 1801 e finì nel 1871 quando viene arrestato per disturbo in zona ripopolamento bisonti che comunque si sono estinti lo stesso. Altre notizie le daremo più avanti.

 

Siccome tutti sanno che questa rubrica è una scusa per fare pubblicità occulta ti do l’occasione per sturare il lavandino che prodotto usi?

Paolo, Firenze

 

Idraulico liquido da sempre è il mio preferito, ne basta poco. Oggi voglio andare a vedere dove lo fanno per dire bravi. Spero che anche tu lo usi. Io però ogni tanto ne uso un altro. Ma non vorrei offendere la mia ditta preferita.

 

Ho letto sul blog di Grillo che la battaglia di Catalafimi non c’è mai stata. Tu cosa ne pensi?

Fausto, Rovigo

 

Sì! Sono convinto anche io che non è mai avvenuta, infatti che motivo aveva Garibaldi di farla? Anche altre battaglie risultano truccate cioè mai avvenute.

 

Cosa pensi di quello che dice il blog di Grillo sui quiz in televisione?

Mauro, Arezzo

 

Sì! Sono con lui, basta vedere il film quiz show. Ormai tutti hanno un amico o un vicino di casa che ha partecipato a un quiz e quindi ha capito. Però meglio non dirlo. Anzi nego tutto. Sia qui (sia sul sito del Foglio). Infatti essendo tutti i quiz registrati non si vedono mai le lamentele dei concorrenti alla fine. Sono molto potenti le holding dei quiz e ti fanno causa da milioni di dollari.

 

Di tutte le lettere d’amore che hai scritto qual è quella a cui sei più affezionato? E la destinataria che ami di più?

Antonio, Brindisi

 

Rispondo volentieri. La lettera d’amore più sentita perché la amo per come è per come recita nei suoi filmati eccetera è quella a Katy Perry. Però no un attimo adesso che rifletto la lettera più sentita è quella spedita a Manuela Arcuri. Se però vogliamo dire la verità oltre a questa la mia lettera del cuore (la più amata in quanto amo quella donna) è stata per Sandra Bullock. Finiamo dicendo che queste sono le top. Ma la vera lettera d’amore che avrei scritto a lei personalmente senza mediazione della rubrica è quella a (vedi qui).

 

Scusa la maleducazione ma tu dici sempre vedi sito Foglio ma io vado a vedere e non c’è mai niente che si colleghi al seguito delle tue risposte. Come mai?

Manuela, Brindisi

 

Perché come uomo sono falso e anche sul lavoro e in amore dico un sacco di balle. Non so perché lo faccio ormai sono anni. Sono anche stato riformato da militare perché capace di tradire e passare nell’esercito nemico dando informazioni sbagliate.

Maurizio Milani

Nasce nel 1962. Nel 1987 esordisce sul palco di Zelig e fa una carriera di successo in tv come comico. Tra i suoi libri ricordiamo "L’uomo che pesava i cani" (2006) e "Del perché l’economia africana non è mai decollata" (2007). Scrive come opinionista su Il Foglio, ha una rubrica su Max e ha raccontato le disavventure del sindaco di Kyoto da Fabio Fazio a "Che tempo che fa" su Rai 3. Da poco è uscito il suo ultimo libro, “Mi sono iscritto nel registro degli indagati” (Rizzoli).

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi