cerca

La Bestia degli scrittori

Non solo quella di Salvini. Anche nella bolla editoriale online si usa il metodo populista. Catalogo di insulti

13 Gennaio 2020 alle 10:46

La bestia degli scrittori

Questa settimana la polemica che ha arroventato la bolla editoriale è stata quella innescata dallo spassoso articolo di Massimiliano Parente sulle bookinfluencer (foto di massimilianoparente.com)

La Bestia di Salvini dilaga e arriva dritta al cuore, come un cioccolatino. E’ un contagio, un’epidemia, e allora ospedalizziamola, come orrendamente usa dire, e chiamiamola BdS. La BdS ammala ma non uccide, colonizza ma non abbatte, trasmette ma non trasforma. E’ un proselitismo che non bussa ed entra sicuro, anche dove le porte sono chiuse, sbarrate. Perché vale per Salvini e la sua bestia ciò che valeva per Berlusconi, e cioè quel paradosso, quella spaccatura che Giorgio Gaber espresse...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Cacciapuoti

    13 Gennaio 2020 - 15:55

    urge riaprire i manicomi... e di quelli duri.

    Report

    Rispondi

Servizi