cerca

Venezia non è morta

Perdersi tra le calli, tra i palazzi arlecchineschi e l’allegria resa dai colori. Chi ha cantato questi luoghi malinconici, o peggio ancora tristi, ha preso un abbaglio. Appunti su una crisi di oggi che ha la sua soluzione nel passato

23 Novembre 2019 alle 06:00

Venezia non è morta

"Il doge sul Bucintoro presso la riva di Sant'Elena" - Francesco Guardi - 1766, olio su tela dimensioni 66 x 100 cm. "Musée du Louvre", Parigi

Sono stato concepito, a metà degli anni Cinquanta, in un modesto alberghetto di Venezia, dietro la Stazione, durante una fuga d’amore di mia madre col suo professore. Da allora, ogni anno, i miei genitori ci tornavano e, da un certo punto in poi, ci portarono con loro, lasciando baldanzosi, per qualche giorno in Primavera, la nostra Firenze. Quando nacqui la Venezia lagunare aveva 157.000 abitanti. Oggi ne ha 51.000. Questa è la causa principale di molti suoi problemi: una città...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Francesco M. Cataluccio

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi