cerca

Com’è confusa e felice Venezia

La nebbia ai Giardini, il labirinto italiano, gli spritz e il fuorisalone. Un giro alla Biennale d’arte

11 Maggio 2019 alle 06:00

Com’è confusa e felice Venezia

Roman Stanczak, “Flight”, 2018. Padiglione Polonia (foto LaPresse)

Si chiama “May you live in interesting times”, la Biennale d’arte che apre oggi al vasto pubblico a Venezia, intendendo forse “Instagram times”, perché poi l’unico motivo vero per cui si è tutti qui, ammettiamolo, è di postare foto e stories imprescindibili. “Interesting times”, citando il vecchio proverbio-minaccia politico, perché i tempi interessanti son sempre sinonimo di casino e guai; e questa cinquantottesima edizione intende riassumere tutte le complessità e perplessità della nostra interessantissima epoca.   La Biennale apre oggi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi