cerca

Assomigliamo all’Europa nazista. Leggere Gombrowicz per capirlo

“Ferdydurke” ha 80 anni, torna in libreria e sembra scritto oggi

2 Settembre 2018 alle 06:00

Assomigliamo all’Europa nazista. Leggere Gombrowicz per capirlo

Benito Mussolini, Adolf Hitler e Vittorio Emanuele II a Roma il 6 maggio 1938 (Foto LaPresse)

Il 1938, anno da brividi per l’Europa: le leggi razziali in Italia, l’Anschluss dell’Austria, ma soprattutto la fallimentare Conferenza di Monaco che, di fatto, riunì Inghilterra, Francia, Germania e Italia per autorizzare Hitler a invadere il territorio cecoslovacco dei Sudeti, destinargli lo spazientito rimbrotto che si riserva a un ragazzaccio intemperante e rendere ancora una volta plateale l’arrendevolezza delle democrazie europee di fronte al passo implacabile del gambale nazista. “Potevano scegliere tra il disonore e la guerra. Hanno scelto il disonore e avranno la guerra”, sentenziò Winston Churchill a proposito delle non decisioni di quell’impotente Assemblea, e lo disse proprio mentre il premier Neville Chamberlain, che al tavolo di Monaco era seduto, veniva accolto in patria nel tripudio collettivo, percepito come l’uomo che aveva garantito la pace e non come colui che aveva solo rimandato la guerra.

 

“Non ci sbarazza delle smorfie,” ammonisce Gombrowicz. “La nostra faccia non è elastica, e una volta alterata non torna più come prima.”

Nel 1938 Witold Gombrowicz pubblicava “Ferdydurke”, un ordigno micidiale – efferato nell’umorismo, spietato nella rappresentazione – e uno dei più sovversivi, audaci e sorprendenti romanzi del Novecento. Costruito come la parodia di un racconto volterriano, questa folle piroetta in forma narrativa annullò con sprezzo del pericolo tutte le regole e categorie culturali per raccontare plasticamente l’assurdo di un’epoca che si era tuffata nel pietoso mondezzaio delle ideologie a buon mercato, imboccate a masse sempre più violente e puerili. La realtà stava allestendo la sua irrealtà, le sue mistificazioni, e lo faceva attraverso l’affermazione di cupi pagliacci enfatici e di perentorie e grottesche parole d’ordine in un’orgia di smorfie ridicole e di infantilizzazione generalizzata: si prendeva sul serio la serietà e si precipitava continuamente nel suo opposto.

 

“Ferdydurke era una vera e propria provocazione – raccontò Gombrowicz – e la stampa nazionalista mi attaccò brutalmente dandomi del corruttore. Così andai a Roma. Poi tornai a Varsavia via Venezia-Vienna. E trac! A Vienna il mio treno si ingolfò in folle oceaniche, in fiaccolate… Arriva Hitler, è l’Anschluss! A Varsavia eccitazione, folla, febbre, frenesia, stato d’allerta! Ero in contrasto con i tempi. Una cosa era certa: Ferdydurke era un’opera condannata allo scacco, e io con lei. Il romanzo racconta il comico rapimento di Gingio, un giovane disorientato che non sa chi è e nemmeno che posto avrà in quel mondo in tragica transizione. È la storia di una deformazione crudele che trova nel rapitore, il professor Pimko, il suo immacolato esecutore materiale – esecutore materiale di un’intera cultura, immacolato come un’epoca che impunemente si veste di ideologia e ricrea la realtà. Pimko lo riporta a scuola, nell’istituto del preside Piorkowski, un liceo di prim’ordine dove “insegnano i migliori cervelli della capitale, non ce n’è uno che abbia un’idea sua.”

Rileggere “Ferdydurke” oggi è necessario e terribile.

  

L’obiettivo? Infantilizzarlo e omologarlo a un mondo che stava crollando, si ricostruiva su nuove tragiche antitesi e legittimava la violenza di chi affermava innocenza e l’innocenza di chi affermava violenza. “Vivevo in un’epoca che ogni cinque minuti inventava nuovi slogan e nuove smorfie e torceva convulsamente la faccia in tutte le boccacce possibili e immaginabili. Erano tutti prigionieri della loro smorfia.” L’uomo (Gombrowicz) ne era convinto – è condizionato dal proprio riflesso nell’anima altrui, fosse anche l’anima più imbecille del creato, poi si adegua a questo pseudo se stesso e lo porta alle estreme conseguenze. A ogni smorfia una contro-smorfia, sempre così, fino alla nausea, sempre la stessa musica, lo stesso concerto di stonature assortite. “La scemenza si sprecava. Fasulli nel pathos, atroci nel sentimentalismo, pretenziosi nei voli e ripugnanti nelle cadute. Così il mondo girava e montava.”

 

Ottant’anni dopo, il mondo gira e monta. E con le stesse stecche: l’abbandono della razionalità, le parole a vanvera, la febbre della semplificazione, le buffonate social, il sovranismo carnevalesco, la politica ridotta a ripicca, le antitesi balneari, la gara di smorfie categoriche tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini, piccolo infante sul girello dei social l’uno, grande infante nudo e cicciuto l’altro, ma siamo sempre lì, è sempre il trionfo del bambino amorale, del Ferdydurke collettivo in un’estate che ci sgomenta.

Marco Archetti

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi