Olivetti e la democrazia di Casaleggio

Il cameo forzoso del ministro Bonisoli. E quello (anche peggio) del Corriere

3 Luglio 2018 alle 06:17

Olivetti e la democrazia di Casaleggio

Il ministro Alberto Bonisoli (foto LaPresse)

L’iscrizione di “Ivrea Città Industriale del XX Secolo” nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco – il 54esimo sito italiano nel prestigioso catalogo – è bella, senza dubbio doverosa, e di certo significativa perché dimostra (e ce n’è bisogno, in questi tempi) che non siamo soltanto il paese degli antichi romani o delle colline del prosecco (alla prossima infornata, prosit!), ma anche un paese che ha detto e sa dire qualcosa alla modernità, all’industria, alla società avanzata e aperta. Dunque, come...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    04 Luglio 2018 - 18:06

    Non c'è qualche erede di Lombroso cui sottoporre le fattezze di questi personaggi? Non so decidermi se sto vivendo in un film con Alberto Sordi o con Paolo Villaggio. Il Corrierone surclassato in autorevolezza dall'Eco di Bergamo.

    Report

    Rispondi

Servizi