Mimì e Rodolfo all’Opera di Roma

Quella vita da bohème che Puccini conosceva bene. Un melodramma dalla musicalità spontanea e travolgente, che nasce però da una cura estrema dell'artificio e dal lavoro ossessivo con i librettisti

11 Giugno 2018 alle 16:15

Mimì e Rodolfo all’Opera di Roma

Foto dal sito Operaroma.it

Certo, per creare La Bohème Giacomo Puccini e con lui i suoi due librettisti, Luigi Illica e Giuseppe Giacosa, ai quali diede per due anni non poco filo da torcere, non avrebbe avuto bisogno di ispirarsi alle Scènes de la vie de bohème del francese Henri Murger, feuilleton ambientato ai tempi di Luigi Filippo, e uscito quarant’anni prima, con tanto di adattamento teatrale. Puccini cominciò a comporre La Bohème a trentacinque anni, nel 1893, quando era già l’astro nascente del...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi