Le parole dementi della politica. E se non confermano Visco sarà "uno stupro"?

"Violenza", "fascismo", "golpe". Parole grosse e vuoto di idee

25 Ottobre 2017 alle 06:12

Le parole dementi della politica. E se non confermano Visco sarà "uno stupro"?

Foto di veDro - l'Italia al futuro via Flickr

"Auspico che in Senato sulla legge elettorale si eviti la fiducia, sarebbe un errore gravissimo, una vera violenza in Parlamento”. Lo ha detto Roberto Speranza, e potreste dire “eh vabbè”. Lo ha detto a “Circo Massimo”, e il bravo Giannini avrebbe dovuto replicare: onorevole, ma che sta a di’? Solo che ormai vale tutto, le parole in politica non hanno più peso specifico, probabilmente è anche colpa dell’incapienza argomentativa di chi le usa. Così che dire “violenza” per intendere “mozione di fiducia” è un salto da circo equestre, più che Massimo. Violenza in Parlamento evoca i fieri manipoli e l’Aula sorda e grigia. O almeno il capitano Tejero. E’ un salto nella semantica del vuoto. Per dire, Sergio Mattarella, presidente dal bel lessico doroteo, si è limitato a un “atto disumano” rivolto ai tifosi laziali per Anna Frank. Avrebbe potuto dire “io li odio, i nazisti di Formello”, e sarebbe stato perfettamente ton sur ton. Ma se persino il forbito e biforcuto Max D’Alema sulla legge elettorale dice “a mettere la fiducia su una questione del genere fu il fascismo”, vedete che l’iperbole dei fieri manipoli è ormai passata sottopelle. Come un chip dei cinque stelle.

 

Più è vuoto il ragionamento, più è destituita di fondamento la sostanza politica, più le parole esorbitano, evocano il turpe e il truce, senza più attinenza con la realtà.

 

Per Travaglio nel Rosatellum c’è “un ricatto sotterraneo”, del tipo “o la voti o non ti ricandidi” e il sottinteso è che Renzi è come Weinstein. E una legge che ai tempi eleganti di Scelba i nemici avrebbero liquidato come “abborracciata”, o al massimo “truffa”, nel giro di un nanosecondo diventa “Fascistellum” e i promotori “dei fascistelli”.

 

“Pretentious diction”. Era il 1968 e George Orwell in un celebre articolo citava parole come “phenomenon, primary, inexorable, epic” e altre dozzine di iperboli fuori luogo per rivestire dichiarazioni normali di un’aria importante. Ma erano ancora tempi in cui si parlava bene: “Polite” per gli anglofoni, “pulito”, da noi. Ora, forse per effetto del linguaggio di Trump così sempre in altalena tra l’infantile e il pop, per il quale tutto è quantomeno “tremandous”, anche in America tutto quello che accade e non piace diventa un “total disaster”. Che poi quando gli va a fuoco la California, o gli sparerà un petardone Kim, non avranno più le parole per dirlo. Ma il linguaggio precede il pensiero. La stupidità aggressiva ha fatto un golpe, contro il pensiero. Così che una mozione parlamentare su Bankitalia diventa, appunto, “un golpe”. E se venerdì non riconfermano Visco non sarà una scelta istituzionale ma, come direbbe Asia Argento, “uno stupro”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    25 Ottobre 2017 - 09:09

    Caro Crippa, sia comprensivo, in questi giorni tutti è stupro, a partire da quello delle povere vittime che facevano la fila per essere stuprate.

    Report

    Rispondi

Servizi