Manifesto per l'Europa liberale

Brague, Scruton, Legutko e Spaemann scrivono una dichiarazione per salvare il continente dalla “distruzione culturale”

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

Manifesto per l'Europa liberale

La quadriga sulla Porta di Brandeburgo, Berlino (foto Pixabay)

Roma. Una “dichiarazione di Parigi” a favore dell’“Europa in cui crediamo”. A firmarla sono alcuni pezzi da novanta della cultura europea: l’inglese Roger Scruton, uno dei massimi filosofi conservatori anglosassoni; il medievista francese Rémi Brague, studioso di Maimonide e docente alla Sorbona; il polacco Ryszard Legutko, ex ministro dell’Istruzione, docente di Filosofia antica all’Università Jagellonica di Cracovia e prima ancora responsabile intellettuale di Solidarnosc durante la Guerra fredda; il tedesco Robert Spaemann, a lungo compagno di ricerche e studi dell’allora professor Joseph Ratzinger e poi erede della prestigiosa cattedra che fu di Hans-George Gadamer a Heidelberg; lo spagnolo Dalmacio Negro Pavón, membro dell’Accademia reale spagnola per le scienze sociali; infine i francesi Chantal Delsol, la fondatrice dell’Istituto Hannah Arendt di Parigi, e Philippe Bénéton, un politologo dell’Università di Rennes.

   

“Una civiltà insostituibile”, così questi intellettuali definiscono l’Europa, il cui futuro “deve essere liberale nel miglior senso del termine, ovvero aperta a un robusto dibattito pubblico libero da ogni forma di coercizione e violenza”. Dicono che l’Europa è oggi minacciata dalla “compiacenza”, dall’“indottrinamento educativo” e dalla “caricatura della propria storia”. Dicono di essersi “riuniti per la comune preoccupazione per lo stato attuale della cultura e della società, ma soprattutto dell’immaginazione europea. Attraverso l’illusione, l’auto inganno e la distorsione ideologica, l’Europa sta dissipando la sua grande eredità civilizzatrice”.

  

Secondo i firmatari di questo manifesto, è in corso un “ripudio delle radici cristiane”, mentre allo stesso tempo le élite europee “sono attente a non offendere i musulmani, che sperano possano adottare la loro visione laicistica. Affogata nel pregiudizio, nella superstizione e nell’ignoranza, oltre che accecata dalle prospettive vane e autogratificanti di un futuro utopistico, per riflesso condizionato l’Europa falsa soffoca il dissenso. Tutto ovviamente in nome della libertà e della tolleranza”. “Stiamo raggiungendo un punto morto”, si legge. “La più grande minaccia per il futuro dell’Europa non è né l’avventurismo russo né l’immigrazione musulmana. L’Europa è a rischio a causa della presa soffocante sulle nostre immaginazioni”.

    

Indicano la crisi demografica come una fonte di destabilizzazione interna alla Ue: “Una società che non accoglie i figli non ha futuro”. Denunciano (molti di loro sono cattolici) la “finta cristianità dei diritti umani universali”, assieme alla “crociata utopico pseudo-religiosa per un mondo senza confini”. E ricordano ai governanti che “la dignità di ogni individuo, indipendentemente dal sesso o dalla razza deriva dalle nostre radici cristiane” e che è necessario trarre “ispirazione dalla tradizione classica, la letteratura dell’antica Grecia e di Roma”. Puntano il dito contro un “edonismo libertino che porta alla noia e a un profondo senso di inutilità”, così che “invece della libertà siamo condannati alla vuota conformità della cultura guidata dai media”.

   

Poi l’accusa: “La generazione del Sessantotto ha distrutto ma non ha costruito”. Si parla anche di islam: “Riecheggiando ironicamente l’antica idea imperialista, le classi dirigenti dell’Europa ritengono che i musulmani diventeranno necessariamente come noi. Il multiculturalismo ufficiale è stato dispiegato come uno strumento terapeutico per la gestione delle tensioni culturali temporanee”. Ma “i discorsi sulla diversità, l’inclusione e il multiculturalismo sono vuoti”. Tutti i firmatari vengono da prestigiose università e spiegano che queste “una volta cercavano di trasmettere ad ogni nuova generazione la saggezza delle epoche passate, mentre oggi sono agenti della distruzione culturale”.

  

È il grande valore di questo manifesto, indicare nel fronte interno culturale quello più esposto dell’Europa, la sua “tirannia morbida” esercitata dagli “stregoni del progresso inevitabile”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    13 Ottobre 2017 - 13:01

    Io insisto. Del liberalismo inteso che disegnato dai maestri pensatori dei Lumi ( da Stuart Mill a Montesquieaux ) e quello i cui principi , con molta disinvoltura ( anche da Il Foglio), si dice regoli le democrazie europee ci passa giusto l'oceano Atlantico a rileggere 'la democrazia in America' di Toqueville. Adios compagneros.luigi de santis.

    Report

    Rispondi

Servizi