Boom boom

Era il 1943 e i bombardieri bombardavano. Anche Tredozio, paese romagnolo dell’appennino forlivese dove viveva la bambina. Era troppo pericoloso abitarci così i genitori decisero di lasciare la dimora abbandonata per un certo periodo per andare ospiti presso uno zio in campagna. Finiti i bombardamenti tornarono nella casa e ci stettero per qualche tempo. Un bel giorno arrivarono i tedeschi che in quel periodo erano dediti alla distruzione dei ponti.

22 Aprile 2010 alle 09:00

Era il 1943 e i bombardieri bombardavano.
Anche Tredozio, paese romagnolo dell’appennino forlivese dove viveva la bambina.
Era troppo pericoloso abitarci così i genitori decisero di lasciare la dimora abbandonata per un certo periodo per andare ospiti presso uno zio in campagna.
Finiti i bombardamenti tornarono nella casa e ci stettero per qualche tempo.
Un bel giorno arrivarono i tedeschi che in quel periodo erano dediti alla distruzione dei ponti.
“No problema stiamo poco poi andiamo” questo l’ufficiale a capo del manipolo disse al drappello di tredoziesi che si presentarono al suo cospetto.
Il capofamiglia non ci credette, riprese su la moglie e le due figlie ed andarono negli scantinati sotterranei di uno stabile un po’ distante da casa, in buona compagnia, poveracci o gente che semplicemente aveva perso la casa. Era un’immensa cantina dritta con tanti letti, si dormiva e si viveva un po’ da sfollati. Ma si viveva. “No problema”, la frase del teutonico si raggirava nella testa dell’uomo. La casa lasciata disabitata temporaneamente dalla famiglia era adiacente al ponte e vennero giù insieme quando, i rifugiati nelle cantine sentirono il boato riecheggiare alle 2 di notte: boom boom.

L’uomo si dimostrò scaltro come una faina e capì che fidarsi è bene ma non fidarsi e meglio.
Soprattutto dei lupi falsi, soprattutto di un ufficiale tedesco dell’epoca.
Così andò e così me lo sono fatto raccontare l’altra sera da quella bambina che è cresciuta ed è divenuta mia madre e se sono qui a scrivere questa breve storia è perché la faina era mio nonno.
Siamo qui, viviamo, amiamo perché Dio ha dato l’opportunità a due persone di amarsi per creare un individuo e per una serie di circostanze che alcune volte per facilità denominiamo caso.
Tra queste circostanze alcune sono chiaramente decisive.
La scelta di mio nonno lo fu.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi