cerca

Memorie

Le memorie di un cittadino rivolte agli usurai che per colpa degli strozzini si sente privato di ogni potere e trova conforto con la denuncia.

24 Agosto 2009 alle 16:26

Le memorie di un cittadino rivolte agli usurai che per colpa degli strozzini si sente privato di ogni potere e trova conforto con la denuncia.
Quando la mattina ti lavi il viso e ti guardi allo specchio ricordati sempre che hai portato alla povertà e alla fame un cittadino che lotta per la vita;
Quando la sera di metti a tavola con la famiglia e stai mangiando, ricordati che quello che metti in bocca è il sangue che stai togliendo ai cittadini che stai strozzando;
Quando la sera ti metti a letto con tua moglie o con tuo marito, ricordati che un cittadino fantasma ti guarda e ti dice che la tua felicità è dovuta alla forza e potere che stai usando per portare alla fame una intera famiglia;
Quando ti ritrovi in armonia con gli amici, e parli della vita e del tuo lavoro, ricordati che stai parlando con persone che un domani possono essere gli stessi che sono strozzati da te, e un giorno ti ricorderai che la vita non è fatta di solo danaro.
Quando festeggi qualche festa famigliare, ricordati sempre che la tua felicità è frutto dei cittadini che stai strozzando e con i soldi che ti danno di stipendio, molti soldi sono frutto della fame delle persone che hai strozzato;
Quando arrivano le feste di natale, ricordati che i soldi che spendi per fare i regali per la famiglia e per i tuoi figli sono provenienti dalla disperazione di un padre o una madre di famiglia che hai strozzato;
Un giorno per caso della vita, ti potrai trovare anche tu nella stessa situazione del cittadino che hai strozzato, che gli hai tolto ogni potere, ogni rispetto, ma non la dignità questa non può toglierla nemmeno il Signore, allora, e solo allora capirai che la tua vita è stata una farsa, ricca di ipocrisie, e falsità di cortesia, fatta e creata ad hoc solo ed esclusivamente per farti forte per strozzare quel cittadino che è costretto a subire, che di conseguenza perde anche la famiglia, la cosa più cara nella vita, la forza di vivere, la forza di domandarsi se la vita è solo legata al dio denaro, o alla comprensione fra le persone che un domani possono essere di aiuto a te stesso/a e di contare per avere un conforto ad ogni situazione familiare e personale.
Questa breve riflessione e rivolta a tutti voi strozzini e gli usurai che spinti dal potere del padrone usuraio, vi costringono ad essere duri nei confronti dei cittadini in difficoltà che non hanno avuto voce e potere per combattere questa battaglia solo ed esclusivamente perché per amici non hanno persone influenti, avvocati, politici, cardinali, ecc.ecc. che li sostengono.
Ricordati che tutto questo, un giorno può capitare anche a te, non dimenticarlo mai perché, i quel momento, e solo in quel momento, capirai quanto è vero quello che hai appena letto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi