cerca

Piccola dedica

Le capitava spesso di stare affacciata al davanzale, dinanzi alle meraviglie della natura, senza riuscire a gustarle pienamente, troppo presa dal filo dei pensieri e dell'inquietudine.

19 Agosto 2009 alle 10:01

Le capitava spesso di stare affacciata al davanzale, dinanzi alle meraviglie della natura, senza riuscire a gustarle pienamente, troppo presa dal filo dei pensieri e dell'inquietudine. Così guardando le persone, le vedeva solo attraverso il riflesso dei suoi desideri e delle sue fantasie. Non sapeva uscire totalmente da sé e dalla rete di un'immaginazione, che la ingombrava senza saziarla. Questa corrente di dolore scavò dentro di lei un vuoto, che divenne lo spazio per un incontro vero. Oltre ogni difficoltà, un amore e una presenza tangibili l'hanno toccata, accompagnandola fuori di sé. E solo allora la bellezza gli si è data senza turbamenti, quando il suo cuore si è spogliato per accoglierne un altro, che ora è parte di Sé.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi