cerca

Guardare là fuori

Quando ogni giorno saltello nei vari blog dei foglianti, in cui trovo sempre qualche cosa di interessante per pensare, mi imbatto sovente nei riuscitissimi ritratti dei foglianti medesimi tracciati da Fucecchi.

22 Luglio 2009 alle 11:00

Quando ogni giorno saltello nei vari blog dei foglianti, in cui trovo sempre qualche cosa di interessante per pensare, mi imbatto sovente nei riuscitissimi ritratti dei foglianti medesimi tracciati da Fucecchi. E poiché la mia principale caratteristica è che da qualsiasi particolare ricavo sempre un qualcosa su cui “arrovellarmi”, mi sono messo a riflettere su quanto mi risulterebbe  davvero  insopportabile vedere la mia immagine disegnata, stilizzata.
Oggi scopro allora che la domanda che troppo spesso mi pongo (e che leggo si pone anche Buttafuoco), ossia: “come si può sopportare l’orrore dell’esistenza?” andrebbe corretta, ovvero rovesciata, in: “come fa il mondo a sopportare quotidianamente l’orrore della mia esistenza?”. Uno dei modi migliori per accettare il mondo così com’è, per smarcarci almeno un po’ dall’egocentrismo inevitabilmente insito in ognuno di noi, il quale ci causa una gratificante desolazione che è in realtà protervia, è forse abbracciare una buona volta l’umiltà, guardare cristianamente al mondo lì fuori e chiedersi: “ma uno come me io lo sopporterei?”. Per poi rispondersi: “No”; e quindi cominciare a darsi da fare.
Wittgenstein scriveva: “L’unico modo accettabile che conosco per cambiare il mondo è cambiare sé stessi”. Bisognerebbe ricordarci ogni giorno di questa verità, associandola a ciò che un amico di Nietzsche (credo fosse Peter Gast) diceva del filosofo della volontà di potenza: “Quando lo osservo capisco che è completamente disinteressato a qualsiasi cosa accada al di fuori del suo cervello”. Un atteggiamento del genere ha sempre destato la mia ammirazione, perché lo ho ritenuto eminentemente filosofico. Oggi scopro invece che è solo in grado di condurre a una sublime, forse eroica, ma certamente inservibile pazzia…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi