cerca

Non è un paese per razzisti

Diminuiscono i reati d’odio. Isolare la xenofobia si può. Senza falsi allarmismi

22 Gennaio 2020 alle 06:01

Non è un paese per razzisti

foto LaPresse

I reati d’odio sono diminuiti nel 2019 rispetto all’anno precedente, sono per la maggior parte di natura razzista, ma c’è anche una componente non secondaria di tipo omofobico o legata alla disabilità. Naturalmente anche un solo atto di razzismo è intollerabile, ma la situazione italiana da questo punto di vista è assolutamente migliore di quello che si registra negli altri grandi paesi europei, a cominciare dalla Francia che detiene l’odioso record continentale dei crimini di odio xenofobo. Il fatto che...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • filotea62

    22 Gennaio 2020 - 08:29

    Aggiungo che la foto contro l'omofobia per denunciare il razzismo è veramente fuori luogo. L'odio contro gli omosessuali, in Italia, praticamente non esiste come appare dalle fonti ufficiali degli osservatori. Se poi si vuole imbavagliare chi dice che omosessualità ed eterosessualità non sono confrontabili, beh, benvenuti nel quarto reich!

    Report

    Rispondi

  • filotea62

    22 Gennaio 2020 - 08:20

    Francamente, visto che non c'è un'emergenza razzista in Italia, non capisco i toni dell'articolo da caccia al razzista. Bisogna aggiungere che vi è un clima di violenza latente che si esprime soprattutto nel linguaggio e nei comportamenti volgari e che sono alimentati dalla TV e dai suoi sordidi personaggi, compresi politici, opinionisti e giornalisti che litigano su tutto. Ecco, piuttosto che pistolotti sul "dagli al razzista" sarebbe meglio combattere attivamente la violenza pornografica dei programmi di intrattenimento e approfondimento della televisione, a partire da quella di stato. Perché dalle pagine del Foglio non cominciate a combattere questa battaglia per la buona educazione? È senz'altro più utile della demagogia antirazzista, tanto qualche razzista esisterà sempre, lasciatelo pure campare, se non è pericoloso, ma combattete la buona battaglia contro la volgarità e la violenza televisiva e internettara.

    Report

    Rispondi

Servizi