cerca

Putin faccia a faccia col Papa per discutere di geopolitica internazionale

Siria, Ucraina e Venezuela i temi forti dell’udienza durata un’ora concessa da Francesco al leader russo

4 Luglio 2019 alle 17:20

Putin faccia a faccia col Papa per discutere di geopolitica internazionale

foto LaPresse

È durata circa un’ora l’udienza concessa dal Papa al presidente russo Vladimir Putin. Si è trattato del terzo incontro tra i due, dopo il primo del 2013 e il secondo del 2015. A nessuno il Papa ha concesso tale “onore”. Un incontro seguito da quello tra il leader del Cremlino e il segretario di stato, il cardinale Pietro Parolin, accompagnato dal segretario per i Rapporti con gli stati, mons. Paul Richard Gallagher. Alle ore 17 la Sala stampa della Santa Sede ha diffuso il comunicato che riporta i temi affrontati durante il colloquio, a cominciare dalla “questione ecologica” e dalle tematiche dell’attualità internazionale “con particolare riferimento alla Siria, all’Ucraina e al Venezuela”. Da ambo le parti è stata espressa “soddisfazione per lo sviluppo delle relazioni bilaterali, ulteriormente rafforzatesi con la firma in data odierna di un protocollo di intesa riguardante la collaborazione tra l’Ospedale ‘Bambino Gesù’ e gli ospedali pediatrici della Federazione russa”. Il Pontefice e Putin hanno discusso anche di “alcune questioni di rilievo per la vita della chiesa cattolica in Russia”.

 

Al termine dell’udienza si è avuto il consueto scambio dei doni. Francesco ha donato al presidente russo una medaglia della fine della Prima guerra mondiale, una copia del Messaggio per l’ultima giornata mondiale della pace e le esortazioni apostoliche Gaudete et exultate e Christus vivit. Nel “pacchetto” incluso anche il Documento di Abu Dhabi sulla fratellanza umana. Da parte sua, Putin ha ricambiato con un cd (un film della Rai), un libro e un’icona.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • nike13

    04 Luglio 2019 - 18:06

    In Italia i media parlano generalmente di cose inutili. Questo e' il primo articolo che da una indicazione di che cosa si sta veramente discutendo, lasciando irrisolte molte cose. Provo a riassumerle: Putin si e' mosso con intenti precisi che richiedevano un colloquio con il Papa. L'incontri seguenti con Mattarella e Conte che pro? Inoltre viene da domandarsi: l'azione politica di Putin si ferma all'Italia? A parte il Papa le questioni geopolitiche dovrebbero determinare incontri con i vertici europei, ma tenendo conto che i vertici europei sono cambiati ed operativi dal prossimo ottobre, viene da concludere che l'unico vero incontro era con il Papa. Riusciranno i nostri media a fornirci informazione concrete e non gossip?

    Report

    Rispondi

Servizi