cerca

Manuale di conversazione per Andrea Ballarini

È morto a Roma Andrea Ballarini, collaboratore storico del Foglio, aveva 57 anni. Grande osservatore, era interessato a tutto, alle storie raccontate e a chi le raccontava

24 Febbraio 2019 alle 15:55

Manuale di conversazione per Andrea Ballarini

Andrea Ballarini

[È morto oggi, a Roma, Andrea Ballarini. Collaboratore storico del Foglio, autore delle rubriche “Manuale di conversazione” e “Shottini”, aveva 57 anni. La redazione e il direttore Claudio Cerasa si uniscono al dolore della famiglia. I funerali si svolgeranno a Roma martedì 26 febbraio]  

 


 

“Beh, adesso non esageriamo”. È la frase che Andrea diceva, sorridendo e arrotando la r, nei momenti in cui i suoi amici e le sue amiche gli raccontavano qualcosa che secondo lui andava oltre l’incredibile – e l’incredibile Andrea l’aveva già messo in conto. E però quel “non esageriamo” è anche il simbolo del suo modo ironico di essere, leggero e discreto nei gesti e nelle conversazioni – a volte assurde – che alla fine erano diventate anche un appuntamento professionale settimanale, quel “Manuale di conversazione” seguitissimo sul sito del Foglio in cui io per esempio avevo sempre paura di finire. E glielo dicevo: “Andrea non è che adesso questa mia frase finisce nel prossimo manuale?”. E lui rideva – “tanto è anonima” – e di sicuro, pensavamo noi, prendeva mentalmente appunti, ma era quasi quasi una soddisfazione. Perché non lo faceva mai per giudicare, mai per spettegolare, ma per curiosità vera, profonda e anche lieve verso la commedia umana e i suoi derivati.

 


 

L'ultimo Manuale di conversazione scritto per il Foglio 

  

Il colloquio di lavoro

Prima o poi ne abbiamo fatti tutti almeno uno o due. Ecco perché bisogna saper cosa dire e cosa non dire

 

 


 

Ad Andrea infatti, per via del suo essere osservatore, interessava tutto, le storie raccontate e chi le raccontava, il come e il perché. E però le nobilitava, le storie piccole come quelle grandi, tutte e sempre, perché non resisteva, per via del suo lato di narratore, di fronte alla tentazione di mettere in scena, letteralmente, la curiosità. Ed era nato così, infatti, il suo Bea Cafè, l’appuntamento del martedì che non poteva essere definito né caffè letterario né bar né talk-show né lezione né aperitivo né attività di networking né libero incontro tra pensieri senza alcun scopo di lucro –  semplicemente perché era tutte queste cose insieme.

 

 

 

Andrea era il suo appuntamento del martedì e lo diceva – mi piace, mi diverto, mi corrisponde. E però poi era anche tutto il resto. Vado in ordine sparso e arbitrario: Andrea che, pur detestando il caldo (da vero milanese quale è sempre rimasto anche dopo 20 anni a Roma), si sottopone ogni estate al pranzo a sorpresa che due amiche gli organizzavano puntualmente al mare attorno a ferragosto, e stoico restava lì, sulla terrazza panoramica, vestito di lino in mezzo a gente in pareo, e tutti andavano a turno a salutarlo con il caffè in mano e l’aria di chi cerca un attimo di pausa dal caos del mondo – perché Andrea era in sé antidoto al caos – e lui scherzava: “ma che faccia hai? sembri una che va a confessarsi”, perché ad Andrea tutti tendevano sempre a confidare tutto, sapendo di potersi fidare ciecamente. E poi: Andrea che alza gli occhi al cielo sbuffando quando qualcuno prenotava un tavolo in un locale dove per il rumore non si riusciva a chiacchierare – e quelli erano i suoi momenti da Scrooge. E poi Andrea che non soltanto a Natale, ma sempre, portava in regalo libri. E Andrea che per primo si presentava quando nascevano bambini e ai compleanni e quando qualcuno aveva un problema serio, ma che era capace di precipitarsi con molto aplomb nel mezzo di piccole tragedie di poco conto, quando tutti gli altri dicevano “vabbè, su, non è grave”. A volte si sedeva e non parlava, e a volte gli amici per questo si arrabbiavano con lui: che hai? Ti annoi? Dì qualcosa, ho detto qualcosa? E però poi ti stupiva, perché aveva già capito tutto.

 

Di seguito alcuni dei suoi articoli per Il Foglio:

 

Voleva fare il medico. Il suo paziente si chiama Caravaggio

Insieme a Daniela Storti, Valeria Merlini lavora da trent’anni nel campo della conservazione e cura delle opere d’arte. E del Merisi ha restaurato ben tre capolavori. Qui svela tutti i segreti del mestiere

 

 

Traslocare i libri

Dicono che il trasloco, dopo la morte di un congiunto e il divorzio sia la massima fonte di stress. Non è vero. Traslocare circa seimila libri lo è

 

Gianfranco Marabelli, l'“ancien prodige” della pubblicità italiana

Parla il pubblicitario che ha iniziato quando gli art director si chiamavano pittori

 

Milanesi a Roma

È una situazione archetipica dell’umanità. Pertanto bisogna assolutamente sapere cosa pensarne. O, almeno, tranciare giudizi alla carlona

 

L'estate sta finendo

È inevitabile, ogni anno ritorna. E nonostante ciò siamo sempre impreparati. Ecco allora qualche consiglio utile per affrontarla con stile

 

Foscolo è una cagata pazzesca. Parola di Gadda

La recensione di "Il Guerriero, l’Amazzone, lo Spirito della poesia nel verso immortale del Foscolo", nell'unica rubrica che vi dice come parlare di libri (senza perdere tempo a leggerli)

 

Le chat di classe su WhatsApp

È uno dei grandi flagelli della nostra quotidianità. Se si ha un figlio in età scolare è quasi impossibile non esserne devastati per almeno sei o sette anni. Ecco allora cosa pensarne e, soprattutto, cosa dirne.

Marianna Rizzini

Marianna Rizzini

Marianna Rizzini è nata e cresciuta a Roma, tra il liceo Visconti e l'Università La Sapienza, assorbendo forse i tic di entrambi gli ambienti, ma più del Visconti che della Sapienza. Per fortuna l'hanno spedita per tempo a Milano, anche se poi è tornata indietro. Lavora al Foglio dai primi anni del Millennio e scrive per lo più ritratti di personaggi politici o articoli su sinistre sinistrate, Cinque Stelle e populisti del web, ma può capitare la paginata che non ti aspetti (strani individui, perfetti sconosciuti, storie improbabili, robot, film, cartoni animati). E' nata in una famiglia pazza, ma con il senno di poi neanche tanto. Vive a Trastevere, è mamma di Tea, esce volentieri, non è un asso dei fornelli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Dario

    Dario

    25 Febbraio 2019 - 20:25

    Che grande dispiacere! L'appuntamento col "manuale di conversazione" era un momento fisso di stupenda levità. Mancherà davvero tanto.

    Report

    Rispondi

  • daniele.velon

    25 Febbraio 2019 - 18:30

    veramente una brutta notizia, mi dispiace proprio tanto. era uno di quei personaggi che ti sembra di conoscere da sempre, pur non sapendo neppure che viso avesse.

    Report

    Rispondi

  • Medicaid

    25 Febbraio 2019 - 08:17

    MI SPIACE TANTO, MANCHERA' MOLTISSMO LA SUA IRONIA LA SUA SAGGEZZA IL SUO DISINCANTO TOLLERANTE.

    Report

    Rispondi

  • maropadila

    24 Febbraio 2019 - 21:58

    Mi dispiace davvero tanto: la sua "leggerezza" era una vera e propria scuola di vita.

    Report

    Rispondi

Servizi