cerca

L'appello della Cei e il governo Sánchez. Le notizie del giorno, in breve

Tutto quello che è successo giovedì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazioni

7 Giugno 2018 alle 21:05

L'appello della Cei e il governo Sánchez. Le notizie del giorno, in breve

Pedro Sánchez (foto LaPresse)

DALL'ITALIA

“L’iva non aumenterà, avete la mia parola”, ha detto Di Maio intervenendo all’assemblea di Confcommercio: “Le clausole di salvaguardia saranno disinnescate, aboliremo tutti gli strumenti come lo spesometro e il redditometro e inseriremo l’inversione dell’onere della prova”, ha aggiunto il ministro dello Sviluppo e del Lavoro.

“Il governo non sarà supino alla volontà di altri governi, ma restiamo a fianco degli Stati Uniti e della Nato”, ha detto Di Maio.


  

“Continuerò all’Anac fino al 2020”, ha detto Raffaele Cantone, rispondendo alle domande sulle critiche rivolte dal premier Conte all’attività dell’Autorità.


 

La Cei chiama a raccolta i cattolici affinché si impegnino in politica. “Abbiamo avuto paura della politica, come qualcosa che ci sporcava”, ha detto il cardinale Gualtiero Bassetti.


 

Borsa di Milano. FtseMib -0,18 per cento. Differenziale Btp-Bund a 255 punti. L’euro chiude in rialzo a 1,18 sul dollaro.

  

DAL MONDO

   

La Francia ha bocciato il reddito di cittadinanza, proposto da alcuni dipartimenti francesi. “Non è una buona soluzione per combattere la povertà. Preferiamo avere una società fondata sul valore del lavoro”, ha riferito il portavoce del governo di Emmanuel Macron, Benjamin Griveaux.


 

“I dazi sono sanzioni”, ha detto Putin riferendosi alle tariffe imposte da Donald Trump sulle esportazioni di Ue, Messico e Canada di acciaio e alluminio.

E’ stato rimosso Oleksandr Danyliuk. Il ministro delle Finanze ucraino era in contrasto con il presidente Petro Poroshenko.


  

Shinzo Abe è andato a Washington per incontrare Trump e parlare di Corea del nord. E’ il decimo meeting tra i due dall’elezione del presidente americano.


    

Ha giurato il nuovo governo spagnolo del premier socialista Pedro Sánchez.


  

Più di 2.000 condanne in Turchia per il tentativo di golpe fallito nel luglio 2016.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi