cerca

Cade l'accusa di frode per i vertici di Finmeccanica e il Venezuela si prepara al voto. Le notizie del giorno in breve

Tutto quello che è successo martedì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazione

23 Gennaio 2018 alle 21:38

Cade l'accusa di frode per i vertici di Finmeccanica e il Venezuela si prepara al voto. Le notizie del giorno in breve

Giuseppe Orsi (foto LaPresse)

DALL'ITALIA

   

Prosciolti gli ex amministratori di Finmeccanica, oggi Leonardo, dall’accusa di frode fiscale. Giuseppe Orsi, ex ad e presidente, e Bruno Spagnolini, già amministratore di AgustaWestland – una controllata dell’azienda – sono stati prosciolti. L’accusa riguardava la vendita di elicotteri all’Algeria. La decisione è stata presa dal gup di Busto Arsizio, Nicoletta Guerrero.


“L’euro è un esperimento sbagliato”, ha detto Matteo Salvini. Il leader della Lega ha presentato a Roma la candidatura di Claudio Borghi e Alberto Bagnai e ha affermato di essere contrario alla regola del 3 per cento nel rapporto deficit/pil.


Berlusconi rassicura sul rispetto del limite del 3 per cento. A Bruxelles, nella sede del Ppe, il Cav. ha escluso la possibilità di fare una grande coalizione e ha rassicurato sul rispetto del limite del 3 per cento.


L’Antitrust multa Whatsapp. L’applicazione di messaggistica pagherà 50 mila euro per “la mancata pubblicazione dell’estratto della precedente sanzione”.


Easyjet interessata “a parti di Alitalia”. La low cost vorrebbe acquisire alcuni asset della compagnia italiana. La compagnia ungherese Wizz Air è interessata ad Alitalia “ma solo per i voli a breve e medio raggio”.


Italo arriverà in Borsa a febbraio e collocherà circa il 40 per cento del capitale.


Borsa di Milano. FtseMib +0,59 per cento. Differenziale Btp-Bund a 132,70 punti. L’euro chiude in rialzo a 1,22 sul dollaro.

   

DAL MONDO

   

Jeff Sessions è stato interrogato per quattro ore dal team di investigatori guidato da Robert Mueller che indaga sulla collusione tra la Russia e la campagna presidenziale di Donald Trump. L’interrogatorio, ha comunicato il dipartimento di Giustizia, è avvenuto la settimana scorsa. E’ il primo a cui è sottoposto un membro dell’Amministrazione Trump.


Puigdemont vuole rientrare in Spagna. L’ex presidente catalano vuole partecipare di persona al voto di fiducia previsto al Parlament di Barcellona, in cui è candidato per un nuovo mandato, e ha chiesto di rientrare in Catalogna senza correre il rischio di essere arrestato.


Arrestato il principale sfidante di al Sisi alle elezioni in Egitto. Il generale Sami Anan è indagato per falsificazione di documenti e violazione di regole militari. Le elezioni si terranno a marzo.


Trump invita Macron alla Casa Bianca per la prima visita di stato ufficiale della sua Amministrazione. Lo hanno rivelato alcuni alti funzionari ai media americani. L’incontro sarebbe previsto per aprile.


Undici stati firmeranno un nuovo Tpp, trattato commerciale transpacifico. Tra questi il Giappone e il Canada. Non parteciperanno gli Stati Uniti.


Il Venezuela voterà entro il 30 aprile. Lo ha deciso l’Assemblea costituente controllata dai sostenitori del presidente Nicolás Maduro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi