cerca

Anche il salone del Mobile fa i conti con l'ombra della guerra

Dopo l'attacco di Trump alla Siria l'entusiasmo viene meno. Ma la bellezza vista, e raccontata, nei padiglioni dà speranza 

7 Aprile 2017 alle 20:10

Anche il salone del Mobile fa i conti con l'ombra della  guerra

L'allestimento di Marteen Baas sotto le volte del deposito della Stazione Centrale

Un po', parecchio, ci avevamo preso, anche senza aver visto neanche la metà dei famosi millecento eventi del Fuorisalone. Siamo allenati, iniziamo a subodorare la truffa e la fuffa fin dal tono dell'invito e del comunicato stampa allegato (diffidate sempre delle "splendide cornici"). Lg vince il Design Award 2017 per il migliore allestimento con Senses of the future di Tokujin Yoshioka a Palazzo Reina, meravigliosa proprietà del Comune di Milano in via Bagutta appena ristrutturata: un premio ci stava a prescindere, in questo caso è ampiamente meritato.

 

Luci e mobili leggeri, messaggi politici pesanti

Al via il Salone del Mobile. Milano non si candida più a traino dell’Italia. Lo è. E lo fa pesare anche parecchio

 

Hanno vinto anche Giulio Cappellini, signore sempre bellissimo che questa volta ha organizzato un percorso tutto in bianco per le strade di Brera, e Tom Dixon (entrambi premio alla carriera). Vince anche lo strepitoso allestimento di Marteen Baas sotto le volte del deposito della Stazione Centrale in via Ferrante Aporti che vi abbiamo segnalato nella guida al meglio della Design Week. Press choice lo Spazio Krizia, riaperto a due anni dalla scomparsa della stilista (la nuova proprietà è la Marisfrolg della miliardaria cinese Zhu Chongyun). Grande gioia sulle note tamburellate del progetto nippo-americano Cobu, condanna unanime per la strage  di Khan Sheikhoun a opera, ormai sembra assodato, del dittatore siriano Aassad, e poi tutti a dormire.

 

Salone del Mobile, la guida per non perdersi il pezzo del momento

Non si può andare da tutti perché manca il tempo, e in giornate di sciopero mancano anche i taxi per poterlo fare. Ecco come sfuggire all'incubo della "design vibe"

 

Non proprio con la coscienza tranquilla, ma insomma, this is business this is culture. Tre ore dopo, Donald Trump dava l'ordine di bombardare la base siriana di Al Shayrat, e il tema del futuro dell'abitare iniziava ad appesantirsi della polvere delle macerie. Questa mattina, nessuno aveva più voglia di commentare la serata o di ridacchiare per la smania tutta milanese di assoldare almeno tre pr a gestire ogni evento, in modo da massimizzare la possibile affluenza di ospiti, sfiorando il ridicolo. Un'ombra pesantissima è calata su questo Salone, sulle migliaia di persone che lavorano a questo momento di bellezza e di energia, e su chi ne scrive. È il dramma, e allo stesso tempo l'orgoglio, di chi scrive e testimonia solo il bello, la cultura, la creatività, la gioia, la condivisione. Per chi, come noi privilegiati, incrocia ogni giorno decine di designer che indossano l'hijab, decine di stilisti e di art director a fianco del marito che parlano solo di costruire - progetti, case, mostre che siamo -  l'idea di un palazzo che crolla sotto la colossale spinta di un missile è pura, orrenda fantasia. La realtà del male fuori da una porta che non vorremmo aprire mai. I designer mediorientali che parlano con i colleghi finlandesi; la Creative Academy del gruppo Richemont che accoglie studentesse dello Shenkar College di Tel Aviv e musulmani cresciuti negli Usa. Razzismo, divisioni, differenze non esistono, oppure vengono accettati in nome del bene ultimo della bellezza, che in molti, moltissimi casi arriva ancora prima del business. Vi sembrerà una formula scontata, semplicistica, un'ennesima declinazione dell'aforisma di Schopenhauer sulla bellezza che ormai riproduciamo anche sulle t-shirt, ma il dramma e il privilegio di lavorare sulla cultura, con la cultura, in questo momento è questo. Vedere che il migliore dei mondi possibili è in effetti possibile. Anzi, c'è già.

Fabiana Giacomotti

Fabiana Giacomotti

Milanese, ha vissuto un po' qui un po' là, parecchio a Londra. Era partita con l'idea che la letteratura francese sarebbe stata la sua vita, tanto da mantenersi agli studi come annunciatrice tv per non darla vinta al padre che voleva in casa almeno un altro medico e lei era l'ultima speranza. Ancora adesso non ha capito come sia diventata giornalista di economia e poi di costume e moda. Fra gli Anni Ottanta e i primi Novanta ha lavorato per Espansione, il Giornale, ItaliaOggi, quindi è stata inviato speciale per il Mondo, IoDonna, Capital, per il primo decennio Duemila in successione vicedirettore di Amica, direttore di Luna e, in contemporanea, del quotidiano MfFashion. Ama alla follia la carta stampata e collabora a Il Foglio dal 2007. Nel frattempo ha progettato ("direzioni mai più grazie") un paio di altre riviste, collabora con l'Istituto dell'Enciclopedia Italiana, ha scritto libri, guide popolari tradotte all'estero, saggi ponderosi ma anche no (l'ultimo, "La moda è un mestiere da duri. Gli anni Duemila del lusso italiano visti dietro le quinte", Rizzoli, raccoglie una selezione di articoli scritti per l'inserto del Foglio del sabato con un nuovo saggio introduttivo). Ha curato mostre di moda e costume per istituzioni varie e "tutte interessanti" come i Musei Civici di Venezia, la Rai, Palazzo Morando a Milano. Dal 2005 è tornata in università come docente del corso di Scienze della Moda e del Costume alla Sapienza di Roma dove, come poteva farselo mancare, ha progettato una testata online e un sistema informativo dedicato agli studenti. Ha una figlia trentenne, Federica, account pubblicitario, di cui va tremendamente orgogliosa e che si ostina a chiamare "bellapopina", facendola imbufalire.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi