Le geniali idee di Slavoj Zizek per ripartire comunisti

Maurizio Crippa

Intervistato da Rep. il filosofo dice di vedere “un nuovo comunismo germogliare dal virus” e che persino Trump, che pure era partito da populista, adesso ha capito che servono “forme di stipendio minimo garantito”

Siamo tutti col culo all’aria, filosoficamente parlando, in attesa che dal cielo ci piova non un contagio ma un’idea su come ci riorganizzeremo, dopo che avremo riaperto: perché è chiaro che dovremo trovare un qualche aggiustamento. Più mercato o meno mercato, più controllo o ancora più controllo (meno ve lo scordate), più solidali e più distanziati. Più morti es mejo che meno morti (Economist) o meno morti e ci riabbracceremo in Egitto (Giuseppi). Poi, come una luce dell’est, ci illumina Slavoj Zizek. Che fu marxista lacaniano, ma forse anche liberale francofortese. Ora è malato, ha la tosse e “tutti i sintomi del Covid-19”, e gli facciamo l’imbocca al lupo. Poi però leggiamo la sua intervista su Rep. e ci si trizza il culo, sebbene all’aria. Perché il filosofo vede “un nuovo comunismo germogliare dal virus” e che persino Trump, che pure era partito da populista, adesso ha capito che servono “forme di stipendio minimo garantito”. Praticamente da America First a Beppe Provenzano. Ma allo stesso tempo, non crede che ci si debba preoccupare di governi autoritari, che vogliano controllarci tutti: da Lubiana, sogna un comunismo nuovo, dal volto umano. Ha paura, “semmai, che aumenti la sfiducia verso le istituzioni”. Epperò per ricostruirla, la fiducia, ed evitare “nuove forme di paranoia” e le “teorie del complotto in Rete”, si augura di trovare presto “nuovi Assange capaci di smascherare gli abusi”. Che è come dire di voler combattere il virus e affidarsi, invece che a Burioni, a un pollivendolo del mercato umido di Wuhan.

Di più su questi argomenti:
  • Maurizio Crippa
  • "Maurizio Crippa, vicedirettore, è nato a Milano un 27 febbraio di rondini e primavera. Era il 1961. E’ cresciuto a Monza, la sua Heimat, ma da più di vent’anni è un orgoglioso milanese metropolitano. Ha fatto il liceo classico e si è laureato in Storia del cinema, il suo primo amore. Poi ci sono gli amori di una vita: l’Inter, la montagna, Jannacci e Neil Young. Lavora nella redazione di Milano e si occupa un po’ di tutto: di politica, quando può di cultura, quando vuole di chiesa. E’ felice di avere due grandi Papi, Francesco e Benedetto. Non ha scritto libri (“perché scrivere brutti libri nuovi quando ci sono ancora tanti libri vecchi belli da leggere?”, gli ha insegnato Sandro Fusina). Insegue da tempo il sogno di saper usare i social media, ma poi grazie a Dio si ravvede.

    E’ responsabile della pagina settimanale del Foglio GranMilano, scrive ogni giorno Contro Mastro Ciliegia sulla prima pagina. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, che non sono più bambini"