cerca

Adorno McCartney

Per il sociologo De Carvalho “i Beatles erano semianalfabeti in musica” e questo basterebbe a rendere evidente lo zampino di Adorno

10 Settembre 2019 alle 06:11

Adorno McCartney

Beatles (Foto LaPresse)

Ora che viene il freschetto settembrino e il sarabanda da vamos a la playa sovranista di ieri davanti al Parlamento si annuncia come uno degli ultimi fuochi dell’estate, si rischia che ci venga persino un po’ di nostalgia per la bellissima stagione al di sotto di ogni credibilità del Papeete. Per fortuna qualcosa per tenerci allegri, tra fughe dalla realtà e complottismi intesi a svelare le trame oscure del mondialismo, rimane ancora: ma bisogna spostarsi di emisfero, là dove l’estate tropicale sta per iniziare. Insomma dalle parti dei guru di Bolsonaro.

 

Come ad esempio questo Olavo de Carvalho, settantaduenne sociologo e forse filosofo, ma dalla tempra di un Diego Fusaro, già noto alle cronache per suoi stravaganti interventi in video e per essere molto stimato da un figlio di Bolsonaro e dall’entourage. Bene, qualche giorno fa ha esplicitato una nuova teoria in zona complotto globalista, che ribalta la storia del rock. Ha detto più o meno questo: “Le canzoni dei Beatles, in verità, le scriveva il sociologo e filosofo tedesco Theodor W. Adorno”. Sì, quello dellla Dialettica dell’Illuminismo. Perché, spiega De Carvalho, “i Beatles erano semianalfabeti in musica” e questo, bontà sua, basterebbe a rendere evidente lo zampino di Adorno, raffinato musicologo, il cui vero obiettivo sarebbe stato, ovviamente, diffondere “l’effetto devastante dei Beatles”, basato sulla diffusione dell’LSD. Eccetera. Che meraviglia, l’estate non è ancora finita: più mojito sovranista per tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • cesare battisti

    10 Settembre 2019 - 08:08

    Hai poco da tirare in ballo con sufficienza pretestuosa e tutta comunista il sovranismo. Questo signore ha ragione! I Beatles sono stati gli ultimi artisti occidentali a saper creare un "immagine" del mondo moderno. Subito dopo non c'è stato più niente, il vuoto assoluto! Viviamo come zombie in un mondo che non possiede più un immagine di se. Destinato ad una rapida fine.

    Report

    Rispondi

Servizi