cerca

Il mostro di Firenze

Tomaso Montanari, arrampicatore di beni culturali, è arrabbiato con noi e vuole salvare l’Italia. Chiudendola

18 Giugno 2019 alle 06:00

Il mostro di Firenze

Tomaso Montanari (foto LaPresse)

Questo giornale non è abituato a “frignare”, non è nel suo Dna. E nemmeno si indigna, gli indignados sono stracciaculi della sub politica e della sub cultura. Al massimo si incazza un po’, quando è il caso, ma con la dovuta sprezzatura che gli oggetti meritano. Non è mia abitudine dare di “cialtrone” a nessuno, e infatti non l’ho mai dato a lui, ho mosso delle critiche. E poi sarebbe stato pleonastico, basta il nome: Tomaso Montanari. Professore di Storia dell’arte moderna all’Università per stranieri di Siena dopo essere transitato dall’Università della Tuscia, da Tor Vergata e dalla Federico II di Napoli. Più che altro noto, anche nel mondo degli addetti ai lavori, per la sua ampia e un po’ ripetitiva bibliografia divulgativa, argomento fisso: il populismo benecomunista applicato al patrimonio italiano. E ancor di più per le sue ambizioni di carriera, ultimamente gli piace il Mibac, con un piede sempre ben piantato nella pubblicistica e nella politica.

  

Per dire, lui fiorentino e con un incarico scientifico agli Uffizi, l’altro giorno ha pensato bene di insultare Zeffirelli, da morto, e tutta la città, da viva. Sul Fatto di ieri era particolarmente isterico per via di un articolo del Foglio, in cui lo si indicava, a ragion veduta, come ventriloquo del ministro Bonisoli, per la sua controriforma dei Beni culturali, e per le sue mire sulla futura direzione degli Uffizi. Ma dopo gli insulti, l’articolo parlava d’altro, se la pigliava pure con Nardella (boh). Soprattutto, esponeva la quintessenza del suo pensiero: i ricavi degli Uffizi sono triplicati grazie all’autonomia? Male! Quelli della ri-sovietizzata Accademia (anzi “la Casa del Pisello di Marmo”, come la chiama: che eleganza accademica, eh?) raddoppiati? Sia cacciata la direttrice!

  

Secondo il Nostro, Firenze è una città che sta morendo, di turismo, come Venezia, e in compenso i fiorentini non vanno più a vedere un quadro, mentre i nostri musei (che pensano solo al vil danaro) non producono più nulla di culturale. Maddai. E anche casa Alinari, che versa in stato di agonia, non trova un imprenditore che la voglia salvare. Che gli imprenditori nazionali e stranieri, anche dal settore della Cultura, con questo ministero e con questi consigliori se la stiano dando a gambe, al Professor Montanari non passa nemmeno per la testa. Poi vedremo chi li manterrà, i musei ri-sovietizzati dalla riforma del ventriloquo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lucet

    19 Giugno 2019 - 10:10

    I musei sono pubblici ! paghiamo noi e le nostre tasse ! anche gli stipendi stellari dei "direttori manager" messi lì da Franceschini e Renzi

    Report

    Rispondi

  • lucet

    19 Giugno 2019 - 05:05

    Buongiorno, i musei non si mantengono da soli. Sono ancora pubblici, quindi sono mantenuti da tutti noi con le nostre tasse. Compresi gli stipendi stellari dei direttori manager istituiti da Franceschini

    Report

    Rispondi

Servizi