cerca

Il retro-king e Gio Ponti

Il vento del cambiamento ha rotto le balle in tutti i settori, assestarsi all’antico e alla competenza di una volta è diventata l’unica strategia affidabile

9 Marzo 2019 alle 06:00

Il retro-king e Gio Ponti

Claudio Ranieri (foto LaPresse)

Ora che persino Antonello Venditti ha svoltato i settanta nel segno dei Pesci surgelati e a lunga conversazione. Ora che quel giovanotto amante del camping sotto l’Ulivo di Romano Prodi ha spostato la tenda e l’ha riportata un po’ più vicina a casa. Ora che è tornato a casa persino Enrico Letta, e persino i coniugi Renzi. Ora che Zingaretti – il fratello – ha riportato le lancette del Pd un po’ più indietro di dove si erano bloccate quando andò in amministrazione incontrollata la Ditta di Bersani. Ora che potrebbe tornare anche Bersani, e tutti a domandarsi: ma Rosy Bindi, che fa? Ora è chiaro che l’unico modello che può funzionare in Italia è il modello retro-king. Perché succede anche questo: la Roma (intesa calcio) affonda in Europa peggio della Roma del Trio Lescano, e che ti fa Pallotta? Richiama in panca Claudio Ranieri, The King of Testaccio per meriti anglofili, a cercare di salvare la baracca. The King is back, e il novatore Monchi se ne torna da dove era venuto. Il vento del cambiamento ha rotto le balle in tutti i settori, assestarsi all’antico e alla competenza di una volta è diventata l’unica strategia affidabile. Persino Mattarella sembra ringiovanire ogni giorno che passa, mentre Conte e Fico hanno ormai i capelli grigio topo. Bene, c’è solo la Tav da sistemare, con quel professor Ponti che aveva presentato una relazione in duplice copia, pensa che cervellone. E magari, se a occuparsi di infrastrutture serie al posto del professor Ponti si potesse riavere Gio Ponti, saremmo un’altra volta in Europa. Tutti insieme appassionatamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • AlessandroT

    09 Marzo 2019 - 18:06

    Sì però vorrei far notare che Ranieri (dopo il miracolo con il Leicester che resterà leggendario a lungo) ha fatto malaccio in Francia e di certo non ha risolto i problemi cronici del Fulham in premier. Insomma forse come esempio non è proprio calzante.

    Report

    Rispondi

Servizi