cerca

Strabismi di Venere

Divisi tra gli occhioni di Wanda Nara e le parole severe ma giuste di Beppe Marotta

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

19 Febbraio 2019 alle 06:00

Strabismi di Venere

Wanda Nara durante Inter vs Sampdoria (foto LaPresse)

Di questi tempi, quelli che parlano da bravi padri di famiglia, non sono esattamente la cosa più rassicurante del mondo. Soprattutto se di fronte hai gli occhioni (siamo bravi ragazzi, guardiamo solo gli occhioni, noi) pieni di lacrime e di pioggia di Wanda Nara, che in tivù difende il suo Maurito, che soffre come un cane. E dice pure: “Ho chiesto a Moratti se mi dà una mano a farlo giocare”. Moratti, quello sì che era un grande papà. E insomma, si resta qui, in preda allo strabismo di Venere: divisi tra gli occhioni di Wanda e le parole severe ma giuste di Beppe Marotta: “Vogliamo ritrovare serenità. Noi facciamo tutto il bene per l’Inter, per Mauro, per lei e per i tifosi”.

 

Sì, gli ha tolto la fascia da capitano via tuìt, ma “non è stato un provvedimento disciplinare”, ha detto paterno come Salvini quando dice che chiude i porti per salvare i bambini: “Quando si gestisce un’azienda bisogna prendere delle decisioni e questa è stata fatta a malincuore ma doveva essere presa per i motivi che sappiamo”. Ma poi è davvero un bravo papà, Marotta, e in questo tempo di scavezzacolli e anche di veri e propri giovani stronzi (non all’Inter eh, e neanche alla squadra con due stelle: diciamo a quella che ne ha cinque di stelle) è giusto usare il bastone, e poi anche la carezza: “Funziona come in una famiglia: Mauro ha solo 25 anni e può crescere ancora molto”. E lui crescerà, sperèm, e a Wanda tornerà il sorriso sperèm. E nell’attesa noi qui, con lo strabismo di Venere, a domandarsi chi ha ragione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • verypeoplista

    verypeoplista

    19 Febbraio 2019 - 11:11

    la Società ha sempre ragione (nei confronti di un singolo giocatore della rosa) se non l'ha ne paga le conseguenze, ovvero cambia politica o passa la mano a qualcun altro. Tutto il resto è chiacchiere e scudetto. Lo "strabismo di Venere" è solo tra le onde del mare: in specie, come giusto che sia, companatico,ruoli e una punta di avanspettacolo (che se fatto da gente in gamba crea poi grandi personalità nello show business).

    Report

    Rispondi

Servizi