cerca

L’editto del corridoio

Ora sono arrivati loro, quelli che parlano il linguaggio del popolo e si fanno ascoltare, cacciano i giornalisti

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

22 Giugno 2018 alle 06:19

L’editto del corridoio

Roberto Fico, presidente della Camera (foto LaPresse)

Da comune cittadino, come eleggano e perché alla presidenza delle Commissioni parlamentari, non è che mi metta l’ansia. Soprattutto non stimola la mia tendenza voyeuristica. Mi facciano sapere. Però a quelli che hanno votato per il Parlamento aperto come una scatola di tonno, e trasparente come uno stadio della Roma, qualcosa dovrebbe importare. Stanno eleggendo i capi delle Commissioni (aumma aumma) e, tutto d’un tratto, i giornalisti sono stati cacciati dai corridoi delle segrete stanze. Gli uscieri gli hanno sventolato sotto il naso “una disposizione normativa interna”. A memoria di cronisti dell’Associazione stampa parlamentare, non era mai successo nella storia della Repubblica. Gli hanno fatto notare, annota precisa l’Ansa, che in realtà il divieto per i giornalisti di sostare davanti alle commissioni è contenuto in una delibera del Comitato per la sicurezza della Camera del 29 ottobre 2014. Ma la delibera non era mai stata trasmessa al Comitato per la comunicazione (esiste pure) e quindi non era mai stata applicata. Forse perché nel 2014 c’era Renzi: pensate che gli avrebbero detto contro, “l’editto dei corridoi”. Ma ora sono arrivati loro, quelli che parlano il linguaggio del popolo e si fanno ascoltare, cacciano i giornalisti. E a questi webeti che hanno votato per lo streaming e per il “vi controlliamo col meetup”, e ora si trovano con niente streaming e niente da sbavare sullo schermo, e nemmeno più la stampa libera di origliare, a questi idioti, che gli resta? Fraccaro?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ilgimmi62@alice.it

    ilgimmi62

    22 Giugno 2018 - 12:12

    Gli idioti che desiderano le stelle ci saranno sempre e sempre voteranno M5S. Però. Però i giornalisti cacciati dai corridoi, forse, qualche domandina sulla loro responsabilità circa il successo degli apriscatole dovranno pur farsela prima o poi

    Report

    Rispondi

Servizi