cerca

Chiamami Président

Il metodo del ministro Bonisoli, secondo cui è “meglio far venire la fame di cultura ai giovani facendoli rinunciare a un paio di scarpe” contro la visione del presidente francese: “Prima prendi una laurea poi dai lezioni agli altri”

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

19 Giugno 2018 alle 06:00

Chiamami Président

Alberto Bonisoli (foto Fabio Cimaglia / LaPresse)

Magari c’è del vero, a prenderla larga, nel brocardo del ministro della Cultura Alberto Bonisoli, secondo cui è “meglio far venire la fame di cultura ai giovani facendoli rinunciare a un paio di scarpe” invece di regalargli 500 euri da spendere in stagioni teatrali e in sostegno indiretto all’editoria. Anche se quel che risalta di più, nel brocardo, alla fine è il non detto. Perché non tutti i diciottenni italiani spendono 500 euro all’anno in scarpe, solo quelli ricchi. E insomma declinata così la filosofia appare un tantino classista. E’ una questione di stile.

  

Ad esempio Emmanuel Macron, l’idolo del mio amico Julien, uno che è classista nel Dna perché viene dell’élite e ha dei magnifici figli che sono già di élite, per spiegare ai giovani francesi che cosa voglia dire accedere all’empireo della cultura, e imparare a ragionare da classe sociale educata e responsabile, e non da sguaiati figli della gleba postmoderna, per i quali uno-vale-uno e siamo tutti fratelloni citoyen, ha fatto così. Partecipava a una qualche cerimonia ufficiale e un ragazzo che forse di anni non ne ha diciotto, ma un bel bagaj, come diremmo qui, gli si è avvicinato: “Coma va, Manu?”, come se fosse un rapper appena sceso dalla consolle. L’inquilino dell’Eliseo non si è divertito affatto, e gli ha risposto col garbo freddo che il suo Dna e la sua condizione gli consentono: “Sei a una cerimonia ufficiale. Chiamami signor presidente della Repubblica, o signore”. Ma non lo ha fatto per arroganza. No, ne ha fatta una questione di metodo, e di testa: “Impara a fare le cose nell’ordine giusto: prima prendi una laurea poi dai lezioni agli altri”. Le scarpe, invece, servono per camminare, non per dare lezioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Giugno 2018 - 13:01

    Impeccabile ,Maurizio.

    Report

    Rispondi

Servizi