Lo scudocrociato taroccato e una profezia di Forattini

Si è conclusa la riffa dei simboli delle liste al Viminale. Nell’elenco dei caduti, spicca un regolamentare “Libertas - Democrazia cristiana”

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

23 Gennaio 2018 alle 21:00

Lo scudocrociato taroccato e una profezia di Forattini

C’era quella antica vignetta di Forattini, che a volte riusciva a essere icastico, con un Gesù incazzato peggio di Bergoglio quando parla col cardinale O’Malley che se ne va con la sua croce in spalla, dopo averla strappata dallo scudo (crociato) della Balena bianca e aver fatto un occhio nero al malcapitato democristianone. Altri tempi, quando Nazareno voleva dire davvero Nazareno. Che farebbe ora, se non avesse altro di meglio cui pensare? Ieri si è conclusa la riffa dei simboli delle liste al Viminale, un classico del nazional-popolare, e su 103 partecipanti alla tombola ne ha ammessi 75. Nell’elenco dei caduti, spicca un regolamentare “Libertas - Democrazia cristiana” filologico e bello come ai tempi di Remo Gaspari. Non ammesso, e non chiedetemi di verificare tecnicamente il perché. Però ci sarà in pista l’altro, di scudocrociato, per quanto sottoposto a un restyling che sa di taroccamento come fanno certe carrozzerie per camuffare le auto rubate. E’ lo scudocrociato della Democrazia Cristiana con la scritta Libertas, ma posto sopra a una striscia tricolore e sovrapposto alla scritta Udc in trasparenza. Il tutto sotto la scritta bianca su fondo blu “Noi con l’Italia”. L’abbandono dell’ortodossia ortogonale e la sua trasformazione allusiva (o sarà per le allodole?) alla “quarta gamba” del centrodestra. Insomma Lupi, Fitto e pure Cesa. “Puntiamo al 6 per cento”, “saremo quelli che determineranno la vittoria del centrodestra”. E per una prospettiva politica così, ai tempi di Forattini, sarebbe stato il democristianone a restituire il maltolto. E metterci una croce sopra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi