cerca

Come (non) fare le liste. Lezioni argentine

I messaggi che il calcio può inviare alla politica sono molti, espliciti e bipartisan, e spesso colpiscono il bersaglio. Prendete Jorge Sampaoli

7 Ottobre 2017 alle 06:00

Come (non) fare le liste. Lezioni argentine

Il tecnico dell'Argentina, Jorge Sampaoli (foto LaPresse)

Si capisce, senza bisogno di essere psicologi, che Silvio Berlusconi preferisca parlare del Milan, che non è più suo ma non si capisce bene di chi è, un po’ come il centrodestra, piuttosto che di Matteo Salvini e di come mettere a posto il cubo di Rubik delle prossime candidature. Per cui via col Milan, “bisogna prendere un top player”, e fin lì ci arriva anche la Meloni. Che di Montella si fidi anche meno del Matteo della Lega, non c’è bisogno di strologare: “Volevo che sulla panchina restasse Brocchi. Ma ero in un letto d’ospedale, tra la vita e la morte. E mi dissero Montella”. Se li volete chiamare messaggi trasversali, fate voi. Del resto i messaggi che il football può inviare alla politica sono molti, espliciti e bipartisan, e spesso colpiscono il bersaglio. Prendete Jorge Sampaoli, il ct dell’Argentina che l’altra notte alla Bombonera ha rimediato uno zero a zero col Perù che sembra un sondaggio di Alfano, e che rischia di lasciarlo fuori dai Mondiali. Be’ lui è uno che fa le liste, pardon la formazione, in base ai criteri nemico-amico, compatibile-incompatibile, come manco Matteo Renzi quando lancia ultimatum in direzione del Pd. Così ha preso Higuain, Icardi e Dybala e li ha messi in panca per far posto a tal Benedetto, la punta del Boca Juniors. A un certo punto ha messo il Papu Gomez, che da noi fa il consigliere regionale. E insomma, se volete salvarvi dal populismo sudamericano, prendete nota su come fare le convocazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi