cerca

Premiata ditta Intesa

Alla fine le soddisfazioni arrivano, anche in tempi travagliati. Intesa Sanpaolo oggi è stata eletta banca italiana del 2013 dal magazine The Banker, gruppo Financial Times, per i risultati raggiunti quest'anno. Ma chi ritira il premio non è chi l'ha vinto.

4 Dicembre 2013 alle 20:16

Alla fine le soddisfazioni arrivano, anche in tempi travagliati. Intesa Sanpaolo oggi è stata eletta banca italiana del 2013 dal magazine The Banker, gruppo Financial Times. E' il quarto anno consecutivo che l'istituto di credito si aggiudica il premio. Il premio è stato assegnato a Intesa per "la solida performance in termini di risultati economici, patrimoniali e di liquidità, il Tier1, le numerose iniziative promosse a sostegno delle imprese, l’efficienza nel rispondere alle mutevoli esigenze dei clienti e la costante introduzione di misure innovative come strumento per aumentare la soddisfazione dei clienti e i livelli di produttività".

L'amministratore delegato, Carlo Messina, si è detto onorato del riconoscimento perché "in un contesto recessivo altamente penalizzante per il settore bancario, la nostra Banca ha raggiunto solidi risultati ed elevati coefficienti patrimoniali e di liquidità che la posizionano al top della graduatoria dell’Eurozona". Poi ha ringraziato "tutti i colleghi per il lavoro fin qui svolto", i 94.000 dipendenti e il top management. Ringrazia tutti, tranne chi ha guidato la banca negli ultimi due anni. Enrico Cucchiani è stato amministratore delegato di Intesa dal novembre 2011 al settembre 2013. Era stato scelto dai vertici della banca ma ha rassegnato le dimissioni 21 mesi dopo. Non si era integrato, si muoveva troppo da solista, guardava ai mercati internazionali senza curarsi del sistema Italia (queste sono solo alcune delle motivazioni che hanno portato alla defenestrazione). Per gli analisti, invece, aveva contribuito a rafforzare il patrimonio della banca e a migliorare la performance azionaria. Ma Cucchiani non c'entra con il premio di quest'anno, secondo i vertici attuali di Intesa che l'hanno dimesso.

Leggi anche:
-- Intesa Cucchiani pronto a lasciare
-- Tra Bazoli e Cucchiani la guerra è sul modello, più mercato o più potere

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi