cerca

Il Fiscal compact? Più bello che intelligente

Lo sostiene, di fatto, il ministro Enzo Moavero Milanesi

19 Dicembre 2012 alle 09:59

"Il Fiscal compact è una necessità, un po’ eterodossa secondo i giuristi puristi del metodo comunitario, ma efficace”. Lo ha detto ieri Enzo Moavero Milanesi, ministro degli Affari europei e braccio destro del premier Mario Monti nelle trattative con i partner europei. Moavero è intervenuto a un seminario dell’Istituto affari internazionali (Iai) sul Fiscal compact, trattato intergovernativo che include vincoli fiscali più rigorosi per 25 stati Ue (su 27). Già le regole del “Six pack” voluto dalla Commissione Ue, ha ricordato il ministro, contenevano regole per ridurre deficit e debito pubblico, ma tutto questo “era passato abbastanza inosservato, né sufficientemente percepito dai mercati come garanzia”. Moavero ha anche fatto un riferimento al dibattito ospitato in questi giorni sul Foglio e lanciato dal giurista ed ex ministro delle Finanze, Giuseppe Guarino, sulla presunta illegalità del Fiscal compact. “Un dibattito rivitalizzato di recente grazie a contributi illustri”, quello su “in che misura si possa incidere con un accordo intergovernativo sui Trattati Ue”. E su cui il ministro si dice “personalmente influenzato dal giudizio (pro compatibilità, ndr) dei servizi giuridici comunitari”. Poi ha concluso con slancio pragmatico: “Si può essere d’accordo o no, ma è stato un successo per recuperare la fiducia dei mercati”.

Leggi anche tutti gli interventi ospitati sul Foglio sul tema della presunta illegalità del Fiscal compact.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi