cerca

Il senatore Ichino e le curiose consonanze Squinzi-Cgil

20 Ottobre 2012 alle 16:13

Senatore Pietro Ichino, la Confindustria avrebbe presentato al Governo un'intesa sulla competitività piuttosto diluita in modo da tenere nell'accordo la Cgil, anche a costo di escludere piccoli imprenditori e banchieri. Come valuta questa curiosa consonanza tra industriali associati e sindacati?

Una lettura benevola del comportamento di Confindustria è questa: nell'ultimo anno il sistema italiano delle relazioni industriali si è rivelato debolissimo a fronte del potere politico. Il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, è convinto che questa debolezza dipenda soprattutto dal dissenso della Cgil; e cerca di recuperarla al dialogo, saldando la frattura. Il problema è che la debolezza e inconcludenza del sistema delle relazioni industriali dipende dalla mancanza di una "visione lunga" sugli obiettivi da perseguire, comune a tutti i protagonisti.

Il discorso ovviamente si può ampliare alla riforma del lavoro. Ora si parla di correttivi sulla flessibilità in entrata: la Confindustria giubila, il sindacato non si oppone. Eppure sull'aumento della flessibilità in uscita (superamento dell'articolo 18) Confindustria era rimasta tiepida. Il padronato italiano preferisce assumere i giovani con meno garanzie piuttosto che ingaggiare una battaglia seria sul totem che è l'articolo 18?

In realtà il nuovo articolo 18, varato con la legge Fornero, ha cambiato molto incisivamente la disciplina dei licenziamenti: non è affatto vero che si tratti di "acqua fresca", secondo l'opinione che nei mesi scorsi era prevalsa engli ambienti di Viale dell'Astronomia. Già dalle prime esperienze di applicazione della nuova norma si vede abbastanza chiaramente che essa ha segnato il passaggio da un regime di "job property" a un regime sostanzialmente allineato a quelli dei nostri maggiori partner europei. Sono convinto che questo importante mutamento, quando la generalità degli imprenditori ne avrà preso atto, determinerà una minore riluttanza ad assumere con rapporto di lavoro dipendente regolare a tempo indeterminato. Però, perché questa consapevolezza del nuovo regime si diffonda, occorrerà ancora qualche mese. Quanto al lavoro precario, il problema a mio avviso non è costituito dai contratti a termine, ma dalle collaborazioni autonome fasulle o borderline. Bene, dunque, la modifica della norma sugli intervalli tra i contratti a termine regolari, che non mi è mai piaciuta; purché non si torni indietro sul contrasto all'abuso delle collaborazioni autonome.

Leggi anche: Monti contro l’abbraccio corporativo. Il governo e l’assalto congiunto Squinzi-Cgil sulla produttività (dal Foglio di venerdì)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi