cerca

Conservatori vs libertarian in America

Guerra intestina, tra le vittime collaterali ci potrebbe essere il Cato Institute

di Marco Valerio Lo Prete e Michele Masneri

7 Marzo 2012 alle 16:16

I fratelli Koch sono sempre più scatenati. Negli ultimi mesi i misteriosi David e Charles Koch, co-fondatori del Tea Party, possessori del secondo impero privato americano secondo la classifica Forbes, un conglomerato che produce derivati dal petrolio con un fatturato annuo da 100 miliardi di dollari, hanno intensificato i loro sforzi per contrastare il presidente democratico Barack Obama.[...]

Ultimamente però i fratelli, complice la campagna elettorale per la Casa Bianca, sembrano sempre più irrequieti. Al punto che adesso hanno fatto causa al Cato Institute, cioè una delle loro creature più blasonate. Secondo il presidente del Cato, Ed Crane, “è un tentativo di trasformare l’istituto da ente di ricerca non schierato in un’entità politica che possa meglio supportare l’agenda di Charles Koch”. Nel movimento libertario si parla di “opa ostile” da parte della destra conservatrice. Con le primarie repubblicane in corso, i fratelli Koch si sarebbero stufati delle posizioni “da puristi” libertari e vorrebbero contestare più esplicitamente Obama. “Cos’è che il nostro think tank sostiene e che nessun altro ha il coraggio di sostenere? – scrive Jason Kuznicki, ricercatore del Cato – Per esempio che il militarismo non è la politica estera più adatta al libero mercato. Che la guerra alla droga non solo è inutile in un libero mercato, ma che porre fine alla stessa vorrebbe dire rispettare principi liberali. E infine che la libertà di comprare e vendere beni diventa una barzelletta se non è accompagnata da diritti e libertà civili per tutti. Questo è il Cato. E questo è quello che i fratelli Koch vogliono distruggere”. Secondo Forbes, che titola “salvate il Cato Institute”, i Koch “hanno passato gli ultimi mesi a infilare nel think tank gente a loro gradita ma ostile al movimento libertario”. E gli esempi non mancano: dall’ingresso nel board di Nancy Pfotenhauer, già portavoce del candidato repubblicano John McCain e sostenitrice della guerra in Iraq, a John Hinderaker, sostenitore del Patriot Act, la legge anti terrorismo accusata di comprimere le libertà civili, passando per Tony Woodlief che ha definito il pensiero libertario “una religione difettosa e fallita”.

Quello che per alcuni è uno scontro decisivo tra conservatorismo e libertarismo, per i fratelli Koch è solo un affare giudiziario. Tecnicamente, hanno depositato una citazione presso un tribunale del Texas contro il presidente del Cato, Crane, e la vedova dell’ex presidente, William Niskanen, che avrebbe ereditato la quota del marito. I Koch sostengono che ciò sia illegale, pretendendo di avere la prelazione sulle quote dell’istituto che passano di mano, come previsto da un “patto di sindacato” tra gli azionisti. Così, tra aule giudiziarie e vecchi cavilli da capitalismo di relazione, rischia di concludersi l’onorata carriera di un pensatoio libertario.

Leggi qui tutto l'articolo apparso sul Foglio di oggi

di Marco Valerio Lo Prete e Michele Masneri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi