La patafisica di Spalletti

Domenica, dopo aver acciuffato più per sbaglio che per caso un ingresso in Champions, l'allenatore dell'Inter ha tirato fuori la sua personale visione del mondo

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

22 Maggio 2018 alle 09:33

La patafisica di Spalletti

Luciano Spalletti (foto LaPresse)

La patafisica, quando non è perniciosa, è meravigliosa. Per spiegarci meglio. Se diventa (come diventa) la teoria economico-istituzionale del governo, è perniciosa. Se si limita a essere la filosofia di vita, o l’arzigogolo narrativo (apri sempre una parentesi, non chiuderla mai) di un allenatore di calcio, può essere meravigliosa. Prendete Luciano Spalletti, lo Sun Tzu di questa prima annata totalmente cinese della Banda Bauscia. In tempi non sospetti, un rubrichista fogliante lo chiamava il Patafisico di Certaldo. Perché Filosofo no, filosofo proprio no. Sebbene il Filosofo che resterà per sempre nei cuori nerazzurri quest’anno abbia rimediato il “titulo” maledetto, che non nomineremo. Ma il Patafisico, ha un modo di affrontare la gara e la vita che ha un suo perché, ha un suo filo sottile. Così domenica sera, dopo aver salvato con due cambi quegli undici tremebondi casinisti in campo, e aver acciuffato più per sbaglio che per caso un ingresso in Champions festeggiato come una Champions, Luciano Spalletti ha tirato fuori questa sua personale visione del mondo. La sua patafisica. E’ corso sotto la zona dei tifosi a gridare “è per voi, è vostra!”, manco stesse davvero porgendo l’anfora dalle grandi orecchie. Poi s’è eclissato dai microfoni e dalle telecamere: stasera non parlo io. E ha lasciato parlare quei birboni, compreso Ranocchione il Buono, e ha lasciato il palcoscenico a loro. Ma siccome patafisico sì, ma di quattrini la sa lunga come un toscano verace, il prato l’ha lasciato anche a Steven, al giovane Zhang. Che è disceso giù, tra quegli strani esseri in mutande e sudati, e per una volta è sembrato umano, e piangeva e rideva, dalla commozione anche lui. Probabilmente, gli avevano spiegato che la sua squadra ha vinto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    22 Maggio 2018 - 11:11

    Questo allenatore quando parla, in televisione, di formazione sembra echeggiare la maieutica della casalinga di Certaldo, se parla di attacco e difesa sembra sussumere in se il pensiero di Von Clausewitz sulla guerra nel subbuteo; il tono è sempre catartico, inesorabilmente: che ne penserà di Socrate e del concetto di virtù il buon Icardi?. Per fortuna pare che messa la tuta, catarticamente black a tubino adente, alleni bene la sua truppa. Per quanto mi riguarda io tifo il non filosofo Gattuso: detto anche "L'Aiace verace".

    Report

    Rispondi

Servizi