Spalletti ha fatto patatrac e noi Fratelli Bauscia ce lo aspettavamo

C’è una cosa più inesorabile delle sconfitte e dei pareggiacci dell'Inter: è la tenuta psichica dei suoi allenatori

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

Spalletti ha fatto patatrac e noi Fratelli Bauscia ce lo aspettavamo

Luciano Spalletti (foto LaPresse)

E venne il giorno in cui anche il ministro della Difesa, il nostro Sun Tzu pelato, il nostro amato Lucianone Spalletti da Certaldo, sbroccò: “Vuole che le dica che mi manca un difensore centrale? Lo sa anche la mia mamma che ha ottant’anni che mi manca un difensore centrale”. O anche: “Vuole che vada negli spogliatoi a dire ai miei giocatori che non mi vanno bene, e che ne voglio altri? Perché non ci va lei?”. Se c’è una cosa che lo ha sempre mandato in bestia, al Patafisico di Certaldo, come lo chiamava un rubrichista mourinhista del (bel) tempo che fu, sono i giornalisti petulanti e ripetitivi. Così il giorno è venuto. E noi indomiti, ma saggi, Fratelli Bauscia l’abbiamo sempre saputo, che sarebbe venuto. Perché c’è una cosa più inesorabile delle sconfitte e dei pareggiacci, per la squadra coi colori della notte che adesso è di proprietà dei mandarini d’oriente: è la tenuta psichica dei suoi allenatori. Fanno, fanno, ottengono, sembra fatta. Poi patatrac. Finiscono tutti, giocatori e mister, sul lettino. Non del massaggiatore: proprio quello di Freud. Icardi, per dire: “Manca lo spirito di sacrificio”. Ma forse manca anche altro, diciamo sotto alle braghette. Così venne anche il giorno in cui Sun Tzu dovette mandare il suo ambasciatore, Marlboro Man Sabatini, fin nel Celeste Impero. A chiedere rinforzi. Ma che credete che gli risponderanno, i signori Suning? “Bambole, non c’è un renminbi”. E mentre gli altri comprano, e soffiano sotto al nasone di Spalletti campioncini e promesse, lui non sa più che fare, e arriva alle mosse della disperazione: Joao Mario sulla fascia, Santon al centro. Ma noi, i Fratelli Bauscia, a fare spallucce: già lo sapevamo. Qui a Milano si sbrocca, si sbrocca. Però due milioni per Coutinho, li abbiamo recuperati, va’.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    10 Gennaio 2018 - 08:08

    Il celeste impero arriva sempre ma con la sua flemma da attesa di cadavere nella corrente del fiume che scorre ma, a forza di aspettare, a noi occidentali vien voglia di raggiungere il cadavere nel fiume ed il celeste impero di cadaveri dalla riva ne vedra’ quasi due. Uno morto, la squadra, ed uno moribondo ma indomito, il povero Spalletti ed a seguire lo smarrito Gattuso. Altro prossimo indomito sfinito dall’attesa di un impero del sole che non ha tempo perché il tempo è suo.

    Report

    Rispondi

Servizi