cerca

La storia orale di un film riuscito

La racconta il New York Times a proposito di "Mad Max: Fury Road", uno degli ultimi e spettacolari film d’avventura dove gli stuntman fanno veramente gli stuntman

16 Maggio 2020 alle 06:00

La storia orale di un film riuscito
Certi film richiedono annose preparazioni, si interrompono, poi ripartono, riescono ad arrivare sul set, di nuovo arrancano, sono complicati da girare. Quando nessuno più sembra scommetterci, escono perfetti. Alla categoria appartiene “Via col vento”, ufficialmente firmato da Victor Fleming. Il produttore David O. Selznick in prima battuta aveva scomodato George Cukor, rifiutato da Clark Gable perché “regista di donne”. E fece arrabbiare tutti dicendo: “I registi vanno e vengono, i film sono di chi li produce”. Alla categoria appartiene il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Mariarosa Mancuso

Critica cinematografica, ha studiato filosofia e ha cominciato a occuparsi di cinema per le radio della svizzera italiana. Lavora per Il Foglio sin dai primi numeri e ha tradotto i racconti di Edgar Allan Poe. Ha raccolto le recensioni di un anno di lavoro in un libro del Foglio che ha preso il nome dalla rubrica del sito, Nuovo cinema Mancuso. Nel 2010 Rizzoli ha aggiornato e ristampato Nuovo cinema Mancuso, con la partecipazione di Giuliano Ferrara e Aldo Grasso.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    19 Maggio 2020 - 02:23

    Grazie dell’ottimo consiglio. È anche su Prime.

    Report

    Rispondi

Servizi