cerca

Lo chiamano spin-off di Trasformer ma è un remake di E.T.

Ormai gli anni Ottanta spopolano in tv e al cinema. Anche Bumblebee di Travis Knight, per immaginario e colonna sonora, punta a sembrare un film girato in quell'epoca

26 Dicembre 2018 alle 16:15

Bumblebee, lo spin-off di Transformers, è uscito nelle sale italiane dal 20 dicembre. Ormai è più che palese che le operazioni nostalgia – e in particolare l'iconografia anni Ottanta – in tv e al cinema ingranano alla perfezione, raccogliendo applausi (e incassi) da quella generazione di giovani adulti che amano rivedere i simboli della propria infanzia in una nuova veste. Anche il film diretto da Travis Knight punta a sembrare, uso della computer-grafica a parte, un film girato e prodotto in quegli anni: lo  spirito naïf, ingenuo e romantico, l’approccio, le battute e una colonna sonora ben equilibrata tra hit immancabili (gli Smiths, i Duran Duran, i Tears for Fears) e brani scelti con cura per raccontare l'incontro, ambientato nel 1987, tra la diciottenne Charlie (Hailee Steinfeld) e il “maggiolino” robot. Proprio lui, Bumblebee, arriva sulla Terra da un pianeta lontano, è braccato dall’esercito e stringe amicizia con un adolescente: una trama che rievoca quella dell’extra-terrestre più famoso del cinema: E.T. Tra i produttori esecutivi di Bumblebee c'è infatti anche Steven Spielberg. E il suo nome campeggia anche sul poster dei Predatori dell’arca perduta, ben visibile nella cameretta di uno dei protagonisti. 

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi