cerca

Popcorn

Non usciremo mai più dal neorealismo

“A Ciambra” di Jonas Carpignano, candidato agli Oscar, prende gli attori direttamente dalla strada. Ben fatto, ma non sapremmo a chi consigliarlo al di fuori del festival

29 Settembre 2017 alle 19:49

Non usciremo mai più dal neorealismo

Tema: il film italiano da candidare agli Oscar. Svolgimento (si spera senza farsi altri nemici). Non usciremo mai più dal neorealismo, anche stavolta abbiamo perso l’occasione. A coltivarlo ci sono i soliti noti come Gianni Amelio (“La tenerezza”) e i giovani ancora ignoti – agli spettatori almeno, non vale lo stesso per gli addetti ai lavori – come Roberto De Paolis che quest’anno ha debuttato con “Cuori puri”. Più i registi dell’età di mezzo, come Sergio Castellitto, in “Fortunata” ancora una volta in coppia con la consorte sceneggiatrice Margaret Mazzantini. Il nostro personale Bad Sex Award dell’anno, grazie a Jasmine Trinca e a Stefano Accorsi, se per il cinema italiano esistesse un premio paragonabile a quello che gli inglesi danno alla peggiore scena di sesso scritto (l’anno scorso toccò a Erri De Luca).

 

“A Ciambra” di Jonas Carpignano – designato da una schiera di eletti giurati come candidato italiano all’Oscar – è neorealista al punto da prendere gli attori dalla strada. Anzi da una famiglia rom che vive nei pressi di Gioia Tauro (il regista, mezzo americano e mezzo italiano, li ha conosciuti quando gli hanno rubato l’auto a scopo di riscatto). Oltre agli zingari ci sono i migranti con container pieni di merce rubata. Protagonista: uno scugnizzo tredicenne che ruba le valigie, si offende se qualcuno gli mette sotto gli occhi un pezzo di carta da leggere – fosse pure l’appuntamento per riscattare dell’auto rubata. E’ girato da un regista che il mestiere lo sa fare, e che è riuscito ad avere Martin Scorsese come produttore. Ma è pur sempre un film che non sapremmo a chi consigliare, fuori dai festival.

  

 

Una via d’uscita c’era, per non restare impigliati nel neorealismo che fu. E che, in omaggio al suo nome e alla sua ragione sociale, dovrebbe ogni tanto guardarsi in giro per constatare che i pensionati oggi sono diversi da “Umberto D.” (come suggerivano Ficarra & Picone nel loro film “Andiamo a quel paese”). Bastava candidare “Gatta cenerentola” di Alessandro Rak & Co. Bellissimo film d’animazione – sì, di animazione, ancora pensate che equivalga alla serie B? – che acchiappa la favola seicentesca di Giambattista Basile e la rigira con magnifiche musiche, e un’eroina che se l’avessimo vista in un film giapponese ci avrebbe fatto innamorare all’istante.

 

Tasso di neorealismo: meno di zero. In “Gatta cenerentola” ci sono gli ologrammi, e cantando il cattivo rende noto al mondo che Napoli non vuole essere salvata, né si vuole modernizzare. Sta benissimo con i suoi mucchi di spazzatura, e la droga smerciata sotto forma di scarpetta con il tacco. Mandare un film d’animazione nella tana della Pixar? Perché no? La qualità è altissima, e gli americani sanno riconoscere il lavoro ben fatto. Non solo la buona parola spesa da Martin Scorsese per “A Ciambra”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi