cerca

Gualtiero Marchesi era il più grande e lo sapeva

Così la sua nuova cucina ci ha liberati dai maccheroni col montarozzo

26 Dicembre 2017 alle 21:22

Contro il vino a tavola. Sia lodato Gualtiero Marchesi

Gualtiero Marchesi (foto LaPresse)

La triste notizia mi ha colto a Riccione mentre stavo cercando di ingurgitare una specie di piadina malcotta e lurida, ripiena di salsiccia e cipolle che bastava guardarle per profetizzare una notte insonne: la terribile vecchia cucina. Gualtiero Marchesi era il più grande perché aveva importato nell’Italia delle trattorie per camionisti, e dei ristoranti con i set sale-pepe-stuzzicadenti sul tavolo, l’indispensabile nouvelle cuisine, opportunamente tradotta (non solo linguisticamente, anche culturalmente) come nuova cucina.

 

Nato in una famiglia di albergatori, però non eclatante, aveva studiato in Svizzera e poi nelle più aggiornate cucine francesi, in particolare dai fratelli Troisgros, per aprire nel 1977 in via Bonvesin de la Riva un ristorante tutto suo e subito stellare: presagio ed epitome della Milano da bere e dei fantastici anni Ottanta. Non fu certo un bambino-prodigio: all’epoca aveva 47 anni, età a cui molti cuochi odierni arrivano già obsoleti.

 

Era il più grande e ne era fin troppo consapevole.

 

Una volta lo chiamarono dalla cucina perché in sala una signora aveva osato lamentarsi: la costoletta alla milanese non le sembrava ben cotta. “Signora, sono Gualtiero Marchesi: le mie cotolette non sono ben cotte ma cotte bene”. Perché in Italia per quanto riguarda i tempi di cottura esiste un a.M. e un d.M., avanti e dopo Marchesi: prima di lui le carni venivano carbonizzate e le verdure venivano spappolate, fra l’altro perdendo per strada tutti o quasi tutti i principi nutritivi, mentre dopo di lui qualcuno ha cominciato a capire che le verdure devono essere croccanti e le carni succose.

 

Io non sono certo un futurista, a me piacciono le tradizioni e la dieta paleolitica, ma chi ancora oggi, a distanza di quarant’anni, critica la nouvelle cuisine dovrebbe essere rispedito al tempo di Aldo Fabrizi e dei maccheroni col montarozzo, delle amatriciane brodose, dei condimenti coprenti, delle salse di piombo, delle macedonie con la frutta sciroppata. La nuova cucina significò attenzione alla qualità e alla quantità, alla stagionalità degli ingredienti e all’estetica dei piatti. Ai camionisti non poteva piacere. L’ho intervistato un paio di volte, ho mangiato da lui sia ad Erbusco, in Franciacorta, dove si era autoesiliato in non casuale concomitanza con Tangentopoli, sia nel successivo Marchesino di piazza della Scala. Insomma l’ho conosciuto nel suo lungo declino ma se i gourmet cominciavano a snobbarlo l’ironia e la cultura erano rimaste intatte: parlava di musica classica, si ispirava all’arte contemporanea, mi citava Eraclito e Kierkegaard a memoria.

Conoscete qualche cuoco televisivo capace di fare altrettanto? Vi prego di segnalarmelo perché, sarà che non guardo la televisione, mi è sfuggito.

 

Una volta sola, e molto fuori tempo massimo, mangiai il suo riso, oro e zafferano che ripensato oggi è una sintesi di Rinascimento e craxismo, lusso e lussuria, esibizionismo e perfezionismo. Simbolo di un’epoca e di un cuoco il cui voluminoso complesso di superiorità era, mi dispiace per i suoi colleghi, piuttosto giustificato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    27 Dicembre 2017 - 15:03

    Caro Langone, finora Lei m'era parso l'avversario più deciso di quelli che buttano insieme all'acqua sporca i nostri fondamentali legami con il passato, il difensore di quel conservatorismo razionale alla Karl Popper, senza il quale qualsiasi civiltà è destinata a perire. E immagino sia ancora tutto questo malgrado il coccodrillo per Marchesi. Non pretendo di essere un giudice in materia anche se nei miei quasi nove decimi di secolo, ho avuto molteplici occasioni di diversità di assaggi, anche se cito solo quelli della cucina siciliana di mia nonna e quelli di piccoli ristoranti della Sua Parma, ospite di colleghi chirurghi clienti abituali, mezzo secolo fa. Marchesi avrà diritto ad ogni rimpianto ma che accidenti vuol dire "le mie cotolette non sono ben cotte ma sono cotte bene" ? Mia moglie mangia solo carne molto cotta, la accusiamo di mancanza di rispetto per l'artista e la cacciamo via? De mortuis nihil nisi bonum ma spesso al grande artista si addice un epiteto volgare.

    Report

    Rispondi

  • Loree

    27 Dicembre 2017 - 12:12

    Il sig. Marchesi è indiscutibilmente un grande nel suo settore per il suo messaggio. Tuttavia mia nonna sapeva preparare la amatriciana senza renderla brodosa anche prima di lui. Onore a Marchesi ma invito tutti a non prendersi troppo sul serio.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    27 Dicembre 2017 - 08:08

    Complimenti caro Camillo. Quella sintesi tra Rinascimento e craxismo e’ semplicemente geniale.

    Report

    Rispondi

Servizi