cerca

Perché i “medioevali” Araldi del Vangelo ce l’hanno tanto con gli indios

L’ultradestra cattolica, il Sinodo e la proprietà privata. Chi sono quei monaci con la zazzera di taglio militare, una tunica da cavalieri templari e stivaloni di cuoio che sostengono Bolsonaro

15 Ottobre 2019 alle 09:34

Perché i “medioevali” Araldi del Vangelo ce l’hanno tanto con gli indios

Foto tratta dalla pagina Facebook @araldidelvangelo

Il Sinodo sull’Amazzonia procede tra qualche sbadiglio della stampa, dopo lo scoppiettante inizio polemico animato soprattutto dai contestatori della linea sinodale su temi come il celibato dei preti, che con la vita delle popolazioni indie hanno poco a che fare.   C’è però una notiziola apparentemente laterale, che agita però molto i canali del dark web tradizionalista, che fornisce una chiave meno curiale e più politica dello scontro in atto sull’Amazzonia o il clima. La vicenda ruota attorno al commissariamento...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Maurizio Crippa

Maurizio Crippa

Maurizio Crippa, vicedirettore, è nato a Milano un 27 febbraio di rondini e primavera. Era il 1961. E’ cresciuto a Monza, la sua Heimat, ma da più di vent’anni è un orgoglioso milanese metropolitano. Ha fatto il liceo classico e si è laureato in Storia del cinema, il suo primo amore. Poi ci sono gli amori di una vita: l’Inter, la montagna, Jannacci e Neil Young. Lavora nella redazione di Milano e si occupa un po’ di tutto: di politica, quando può di cultura, quando vuole di chiesa. E’ felice di avere due grandi Papi, Francesco e Benedetto. Non ha scritto libri (“perché scrivere brutti libri nuovi quando ci sono ancora tanti libri vecchi belli da leggere?”, gli ha insegnato Sandro Fusina). Insegue da tempo il sogno di saper usare i social media, ma poi grazie a Dio si ravvede.

E’ responsabile della pagina settimanale del Foglio GranMilano, scrive ogni giorno Contro Mastro Ciliegia sulla prima pagina. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, che non sono più bambini

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi