cerca

In morte del gran diplomatico che sognava di riaprire il Vaticano II

Dalla Ostpolitik a Villa Nazareth. Chi era Achille Silvestrini

29 Agosto 2019 alle 19:53

In morte del gran diplomatico che sognava di riaprire il Vaticano II

Achille Silvestrini (foto LaPresse)

Roma. Achille Silvestrini, cardinale morto giovedì all’età di 95 anni, è stato un grande principe della chiesa del secondo Novecento. Entrò in segreteria di stato regnante Pio XII, è uscito dalla curia romana mezzo secolo dopo, con al governo Giovanni Paolo II. In mezzo, una vita da diplomatico, collaboratore di Agostino Casaroli e della sua Ostpolitik, il lavoro al Concordato del 1984, prefetto della Segnatura apostolica e poi della congregazione per le Chiese orientali. Al centro di tutto, Villa Nazareth,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Matteo Matzuzzi

Matteo Matzuzzi

E' nato a Udine nel 1986. Si è laureato per convinzione in diplomazia e per combinazione si è trovato a fare il giornalista. Ha sperimentato la follia di fare l'arbitro di calcio, prendendosi pioggia e insulti a ogni weekend. Milanista critico e ormai poco sentimentale, ama leggere Roth (Joseph, non Philip) e McCarthy (Cormac). Ha la comune passione per le serie tv americane che valuta con riconosciuto spirito polemico. Al Foglio si occupa di libri, chiesa, religioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carloalberto

    30 Agosto 2019 - 10:10

    Silvestrini di Chiese orientali non sapeva niente, si serviva di altri.

    Report

    Rispondi

Servizi