cerca

L’ostacolo è Papa Francesco

Sarà difficile che i cattolici possano agire in politica sotto un magistero che ha cancellato la parola interclassismo

11 Luglio 2019 alle 06:18

L’ostacolo è Papa Francesco

Papa Francesco (foto LaPresse)

Si riparla, a partire dallo scontro di valori tra bergogliani e trucisti, della possibile ricomparsa dei cattolici nella vita politica italiana. I cattolici nella politica italiana hanno avuto tutto sommato due volti, finché ci sono stati (e con notevoli risultati insieme di conservazione e di modernizzazione). Uno fu il volto “liberale” di Luigi Sturzo, che metteva in competizione nel suo popolarismo la dottrina sociale della chiesa con il socialismo. La dottrina sociale della chiesa è stata tante cose, ma una...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    12 Luglio 2019 - 09:09

    Caro Giuliano, complimenti: per l’essenziale ci intendiamo, eccome ci intendiamo. Di recente il Papa che piace troppo ha solennemente affermato dal pulpito di San Pietro essere i migranti uno scarto della globalizzazione. Questi anatemi contro la globalizzazione e il libero mercato la dicono lunga circa il pensiero di colui che i cristiani chiamano Santo Padre. Noi liberali e liberisti dobbiamo considerarci figli degeneri? E pensare che i suoi due predecessori alla guida di Santa Madre Chiesa quasi quasi ci avevano fatto intendere che ci consideravano figli prediletti, ancorché laici. Tutto muta in fretta, in questi tempi sciagurati dove persino chi fa politica non fa che sputtanare la politica ed i politici.

    Report

    Rispondi

    • Dl1996

      Dl1996

      14 Luglio 2019 - 21:09

      Sono uno scarto delle globalizzazione. Non sapevo si fosse pronunciato in tal senso. La frase più reale in 6 anni di pontificato.

      Report

      Rispondi

  • luigi.desa

    11 Luglio 2019 - 18:06

    Bravo Ferrara . Bergoglio è argentino e patisce della tradizione sud-americana della Izquierdia che è molto diversa dal significato che 'sinistra' ha avuto nel vecchio continente .In Europa ove è nato il sinistrismo ,sinistra in politica ha una infinità di significati ,in sud-America è un frullato di castrismo maoismo cattolicesimo ultra sinistro ed altre cavolate di contorno .Sono certo che Bergoglio tiene un santino in saccoccia con l'immagine san CheGuevara. Perepè diremmo noi .anche questo papa passerà.

    Report

    Rispondi

  • CohleandHart

    11 Luglio 2019 - 18:06

    quindi Bergoglio sarebbe di ostacolo all'ingresso di un cattolico in politica? perché mancherebbe da parte sua una proposta? mah. non credo.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    11 Luglio 2019 - 16:04

    Rifiutiamo la semplice considerazione che da un'umanità imperfetta, in ogni senso e modo, non può nascere un mondo perfetto. Maxime quando ciascuno intende a modo suo cosa sia ""il mondo perfetto"

    Report

    Rispondi

    • joepelikan

      11 Luglio 2019 - 20:08

      Sacrosanto. Nessuna giusta politica può venir fuori dall'idea che l'uomo sia fondamentalmente buono.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi