cerca

L’ostacolo è Papa Francesco

Sarà difficile che i cattolici possano agire in politica sotto un magistero che ha cancellato la parola interclassismo

11 Luglio 2019 alle 06:18

L’ostacolo è Papa Francesco

Papa Francesco (foto LaPresse)

Si riparla, a partire dallo scontro di valori tra bergogliani e trucisti, della possibile ricomparsa dei cattolici nella vita politica italiana. I cattolici nella politica italiana hanno avuto tutto sommato due volti, finché ci sono stati (e con notevoli risultati insieme di conservazione e di modernizzazione). Uno fu il volto “liberale” di Luigi Sturzo, che metteva in competizione nel suo popolarismo la dottrina sociale della chiesa con il socialismo. La dottrina sociale della chiesa è stata tante cose, ma una su tutte mi sembra l’abbia definita: la proprietà privata deve essere difesa perché dove questa non ci sia tutto è dello stato, con la fine delle articolazioni e dei corpi intermedi della società civile. L’altro volto, promosso in particolare da Giovanni Battista Montini, è l’interclassismo democristiano, l’ambizione per decenni riuscita di tenere insieme e mediare in un equilibrio sociale peculiare, popolo lavoratore, piccola borghesia, borghesia imprenditoriale privata e di stato. Sono semplificazioni con un linguaggio d’antan, i fattori storici d’accompagno del cattolicesimo politico in Italia sono molti e molto diversi, ma per l’essenziale ci intendiamo. 

 

Ora, a tutti coloro che coltivano il progetto di rifare più o meno la Democrazia cristiana o il Partito popolare non populista, bisogna sinceramente fare gli auguri. Sarebbe utile e giusto che un soggetto cattolico facesse le sue prove nel groviglio di sbandate sperimentazioni del momento. C’è però un ostacolo, e non è la mancata autocritica invocata da Alberto Melloni per purgare le compromissioni dei cattolici con la “destra di potere”. L’ostacolo è Francesco in persona. La proprietà privata e ciò che ne discende è affare che non lo riguarda, se non in negativo, il Papa è molto al di là o al di qua della dottrina sociale della chiesa nel suo punto cardine. A questo pontificato piacciono idee di liberazione socialisteggianti, teorie ecologiche e soteriologiche vaghe ma ingombranti, e una cultura valoriale che fissa un solo dogma, questo sì, e l’unico, non negoziabile: l’accoglienza degli immigrati in un contesto multireligioso e multiculturale. Quanto all’interclassismo o al popolarismo liberale sturziano, nei discorsi e nei simboli e nelle opere emerge piuttosto in Francesco il populismo, la teologia del popolo, che è cosa diversa. Al Papa piace anche la relazione speciale con i forti poteri efficienti, come Putin o la Cina di Xi, nel quadro di una geopolitica vaticana che ha poco di occidentale (altro elemento che fu decisivo nella nascita di un partito democratico cristiano in Italia). 

 

Nello scontro con il trucismo il bergoglismo, che sul piano umanitario è lodevolmente sensato, non morde, o la sua presa è debole, insufficiente, perché offre l’amore per l’altro come un dono di fede, che certo parla al cuore degli esseri umani e delle loro paure come ogni buona predicazione evangelica, ma non propone un riscatto ragionato dalla paura, un progetto di governo delle migrazioni, un’idea di mondo in cui i cattolici sappiano interpretare anche il ruolo di un’auctoritas temporale. Paolo VI, Giovanni Paolo II, Ratzinger e Ruini erano attenti a questo aspetto della questione, in modi diversi si prodigarono per la politica, che per Montini è “la più alta forma di carità”. Non così il loro successore, che ha più volte umiliato il concetto del politico apparentandolo alla corruzione e al traffico d’armi e allo scarto del disutile e alla maledizione ecologica. Auguri a chi cerca una via d’uscita anche politica per i cattolici, che sarebbero ancora una forza non irrilevante e con una solida tradizione alle spalle, ma sarà difficile che possano agire all’ombra o alla luce di questo magistero.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    12 Luglio 2019 - 09:09

    Caro Giuliano, complimenti: per l’essenziale ci intendiamo, eccome ci intendiamo. Di recente il Papa che piace troppo ha solennemente affermato dal pulpito di San Pietro essere i migranti uno scarto della globalizzazione. Questi anatemi contro la globalizzazione e il libero mercato la dicono lunga circa il pensiero di colui che i cristiani chiamano Santo Padre. Noi liberali e liberisti dobbiamo considerarci figli degeneri? E pensare che i suoi due predecessori alla guida di Santa Madre Chiesa quasi quasi ci avevano fatto intendere che ci consideravano figli prediletti, ancorché laici. Tutto muta in fretta, in questi tempi sciagurati dove persino chi fa politica non fa che sputtanare la politica ed i politici.

    Report

    Rispondi

    • Dl1996

      Dl1996

      14 Luglio 2019 - 21:09

      Sono uno scarto delle globalizzazione. Non sapevo si fosse pronunciato in tal senso. La frase più reale in 6 anni di pontificato.

      Report

      Rispondi

  • luigi.desa

    11 Luglio 2019 - 18:06

    Bravo Ferrara . Bergoglio è argentino e patisce della tradizione sud-americana della Izquierdia che è molto diversa dal significato che 'sinistra' ha avuto nel vecchio continente .In Europa ove è nato il sinistrismo ,sinistra in politica ha una infinità di significati ,in sud-America è un frullato di castrismo maoismo cattolicesimo ultra sinistro ed altre cavolate di contorno .Sono certo che Bergoglio tiene un santino in saccoccia con l'immagine san CheGuevara. Perepè diremmo noi .anche questo papa passerà.

    Report

    Rispondi

  • CohleandHart

    11 Luglio 2019 - 18:06

    quindi Bergoglio sarebbe di ostacolo all'ingresso di un cattolico in politica? perché mancherebbe da parte sua una proposta? mah. non credo.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    11 Luglio 2019 - 16:04

    Rifiutiamo la semplice considerazione che da un'umanità imperfetta, in ogni senso e modo, non può nascere un mondo perfetto. Maxime quando ciascuno intende a modo suo cosa sia ""il mondo perfetto"

    Report

    Rispondi

    • joepelikan

      11 Luglio 2019 - 20:08

      Sacrosanto. Nessuna giusta politica può venir fuori dall'idea che l'uomo sia fondamentalmente buono.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi