cerca

“L’Europa si salverà solo riaffermando la sua morale cristiana”

Parla al Foglio il vescovo anglicano Michel Nazir-Ali. “La laicità non può dare alcun significato alla vita umana”

16 Novembre 2016 alle 19:19

Michel Nazir-Ali

Michel Nazir-Ali (foto di Youtube)

Parla al Foglio il vescovo anglicano Michel Nazir-Ali. “La laicità non può dare alcun significato alla vita umana”

Roma. “Uno dei grandi inganni di oggi è che la laicità è neutrale. Ciò è falso. La presunta laicità altro non è che una visione del mondo e un’antropologia in contrasto con la tradizione giudaico-cristiana”. Il professor Michel Nazir-Ali è un vescovo anglicano nato in Pakistan e dal 1994 al 2009 è stato vescovo di Rochester, il più giovane mai designato, all’epoca. Nel 2002 fu a un passo dall’essere nominato arcivescovo primate di Canterbury, prima che l’allora premier Tony Blair scegliesse Rowan Williams, anche per evitare lacerazioni interne alla chiesa anglicana, già spaccata tra i fautori di un approccio duro riguardo la secolarizzazione e i sostenitori di toni più morbidi e diplomatici.

 

 

A caccia di Dio

L’uomo contemporaneo può riconoscere il Mistero dai segni visibili. Il bisogno di nuovi profeti. La società in cui viviamo non è peggiore rispetto a un tempo. E’ cambiata la cultura, divenuta mortificante e opprimente

Teologo di chiara fama, Nazir-Ali fu definito dall’Independent “l’intellettuale più rispettato dentro la chiesa”. Strenuo difensore della libertà di religione e tra i massimi conoscitori del fenomeno dell’islam politico (suo padre era un musulmano convertito al cristianesimo), aveva intessuto un rapporto di stima e confronto con Joseph Ratzinger. “Per sua natura – dice Nazir-Ali al Foglio – la laicità non può dare significato alla vita umana né, per allargare il discorso, all’Universo. E’ lo sfondo, da un lato, della diffusione sempre più ampia della depressione e dall’altro del narcisimo (o della cultura ‘selfie’) rispetto all’altro”. Semplicemente, “non ci sono assoluti e i valori più sacri riguardanti la persona, ad esempio, possono essere modificati manipolando l’opinione pubblica”.

L’incessante secolarizzazione è un pericolo, chiarisce il teologo anglo-pachistano: “Persone di diversa estrazione culturale avrebbero dovuto avere una chiara comprensione di quelle che sono le basi cristiane delle società europee. Invece, si è dato spazio a questa finta neutralità derivante da una reale perdita di identità. Se l’Europa non vuole cadere in un caos di pluralità – anziché favorire uno sviluppo ordinato delle diversità – è necessario, direi imperativo, che l’Europa riaffermi la sua morale e rafforzi le sue fondamenta spirituali, soprattutto riguardo l’uguaglianza e la dignità degli individui, la libertà di credo religioso, la protezione di tutti sotto la legge e la salvaguardia della famiglia. Tutti questi elementi – aggiunge – trovano origine in una visione cristiana e necessitano di un sostegno cristiano per fiorire”.

Il problema, condiviso con Benedetto XVI, è che siamo davanti a una “de-ellenizzazione del cristianesimo”. Conversando con questo giornale, anni fa, Nazir-ali spiegava che c’è chi vuole oggi “far tornare certe forme di paganesimo senza pensare che quello stesso movimento era responsabile della schiavitù, della negazione dei diritti delle donne e dei sacrifici umani”. L’obiettivo, allora come oggi, è quello di riscoprire un Illuminismo sano: “Io distinguo un illuminismo moderno, che la cristianità e il razionalismo hanno felicemente assorbito e che non ha rigettato i valori biblici”.

La domanda che si ci pone, anche davanti alla perdita d’identità dell’occidente, è cosa si può fare per invertire una tendenza che appare ineluttabile, tra la scristianizzazione incalzante e il crollo delle evidenze sempre più palese. La risposta è semplice, benché la strada indicata sia irta di ostacoli: “Dobbiamo tornare al realismo. Come? Ad esempio prendendo decisioni morali sulla base dell’identità che ci è data in termini di genere e guardando al bene sociale dato da quelle che sono le fondamentali relazioni umani, come il matrimonio tra un uomo e una donna. Un uso corretto del diritto naturale, insomma, che bilanci l’uso fisiologico, piscologico e relazionale sarebbe neccessario per sviluppare un progetto di questo tipo”.

Matteo Matzuzzi

Matteo Matzuzzi

E' nato a Udine nel 1986. Si è laureato per convinzione in diplomazia e per combinazione si è trovato a fare il giornalista. Ha sperimentato la follia di fare l'arbitro di calcio, prendendosi pioggia e insulti a ogni weekend. Milanista critico e ormai poco sentimentale, ama leggere Roth (Joseph, non Philip) e McCarthy (Cormac). Ha la comune passione per le serie tv americane che valuta con riconosciuto spirito polemico. Al Foglio si occupa di libri, chiesa, religioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    21 Novembre 2016 - 10:10

    Già negli anni trenta del secolo scorso René Guènon immaginava la crisi dell'Occidente moderno proprio a causa del rigetto del nostro passato cristiano da parte della diffondentesi laicità , e intravedeva l'affermazione di una civiltà tradizionalista come quella araba, nonostante l'islamisno fosse allora meno diffuso e aggressivo. Mario Mauro

    Report

    Rispondi

  • mauro

    21 Novembre 2016 - 10:10

    Negli anni trenta del secolo scorso René Guènon profetizzava la crisi dell'Occidente moderno proprio a causa del rigetto del nostro passato cristiano, e intravedeva l'affermazione di una civiltà tradizionalista come quella araba, nonostante l'islamisno fosse allora meno diffuso e aggressivo. Mario Mauro

    Report

    Rispondi

  • PaoloCarcano

    17 Novembre 2016 - 19:07

    Se è solo uno scontro politico fra morali, allora la morale islamica è più forte di quella cristiana perchè più rigida nella forma dei comportamenti e più lassa nella sostanza della volontà. Al principe non interessa che gli uomini si santifichino, basta che non delinquano, a tal fine l'Islam è perfetto come instrumentum regni. Il cristianesimo serve alla santificazione, la morale è un corollario.

    Report

    Rispondi

  • bgirons01@gmail.com

    bgirons01

    17 Novembre 2016 - 09:09

    La morale cristiana non è soltanto una questione fideistica, é uno dei fattori determinanti della cultura dei popoli europei. I valori da questa enunciati fanno parte del corpus legis di ogni stato occidentale,. Non importa essere credenti, la vita che conduciamo non si rifà a precetti buddisti, o ebraici, o islamici, o animisti, ma al cristianesimo, e questo è un fatto anche per me ateo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi