cerca

Il salto dello squalo di Giovanni Allevi

Ormai Allevi ha fatto quello che nel gergo televisivo si chiama salto dello squalo. Svelato da tempo il bluff, siamo alla puttanata per la puttanata, ben oltre il "purché se ne parli".

23 Luglio 2013 alle 10:17

Ormai Allevi ha fatto quello che nel gergo televisivo si chiama salto dello squalo. Svelato ormai da tempo il bluff, siamo alla puttanata per la puttanata, ben oltre il "purché se ne parli".

Dall'ANSA di ieri:

"A Beethoven manca il ritmo. Quello lo possiede Jovanotti".È un Giovanni Allevi dissacrante e ipnotico quello che ha parlato, oggi, ai giurati del Giffoni Film Festival. "Con Jovanotti ho imparato il ritmo". "Non posso entrare in molti Conservatori italiani - ha aggiunto - mi dispiace ricevere a volte le contestazioni degli studenti che li frequentano, mi dispiace sapere che non potrò varcare le loro porte, ma so che la cosa importante è raggiungere il cuore della gente".

Piero Vietti

Piero Vietti

Nato a Torino nel 1981. Caporedattore, ha seguito e segue lo sviluppo digitale del Foglio, in cui lavora dal 2007. Ha un passato teatrale e radiofonico e un presente intenso. Per il futuro si sta organizzando con la necessaria ironia. Sposato, ha tre figli. Cuore granata.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi